Trame tramortite: con tutto ‘sto bel fantasy…

Eccoci di nuovo alle trame tramortite. Siete contenti?

Oggi – no, non trituratevi i maroni nella fotocopiatrice, fatelo alla fine del post… lo farete con maggior convinzione – parleremo di fantasy.
Sappiate che tutti possono scrivere un fantasy, perché non c’è alcuna tassa sul buongusto e la scimmia urlatrice è sempre in agguato: voi le suggerite tre cretinate sulla fine del mondo e la scimmia salta sulla tastiera. Ecco, la trama tramortita fantasy nasce proprio così, come un dispetto al genere umano. E la scimmia? Non è colpa sua, per due noccioline scrive anche un romanzo serio, è che nessuno glielo chiede mai.


Domanda aperta: Scrittura di un romanzo. Pareri su questa probabile storia?

Ma certo, noi abbiamo sempre pareri da dare, ci pare il caso di dare pareri, figuriamoci!

Genere: fantascienza/sci-fi, avventura, mistero.

Dire, fare, baciare, lettera, testamento.

Prologo. «Una nuova ”terra” alata, sospesa sopra il blu.

E daje col lisergico!

Tanto tempo fa,

Quando?

nell’antichità

Ah, ecco.

qualcuno affermava secondo un’antica profezzia che il mondo sarebbe cambiato.

Possiamo togliere una zeta alla profezia o ti si incrina la trama?

Avrebbe vissuto catastrofi, tragedie, qualcosa che non si poteva contrastare:

Il traffico, la siccità…

non era un’impresa che un uomo avrebbe potuto affrontare nonostante l’avanzata tecnologia, ma allo stesso tempo primitiva che possedeva.

La tecnologia avanzata ma primitiva, un po’ come le astronavi in bambù…

Nel corso dei milleni

Ce la possiamo aggiungere una enne o la trama si offende?

qualcuno, se vogliamo Qualcosa, aiutava sempre l’uomo nelle sue imprese.

Qualcuno, qualcosa… una roba così, a peso.

Che si trattasse di costruzioni irreali, elevata conoscenza dello spazio e del tempo o l’arrivo di un messia.

Insomma, qualcuno dice che deve succedere qualcosa. Vuoi mai che ci prenda?

Questa volta… accadde un’altra volta.»

Eh?

Fine prologo.

Mamma che pazienza, tocca leggere anche il resto.

Ambiente. Una metropoli futuristica dai colori celesti e freddi,

Basta immaginarsi uno studio dentistico.

sospesa sopra un mondo prima distrutto e poi sommerso d’acqua,

Bel posto.

sostenuta da eterni propulsori di colossali dimensioni grazie ad un moto perpetuo.

Il moto perpetuo dei propulsori, roba che fa crepare d’invidia il gatto del motore a gatto imburrato.

È molto movimentata e pratica grazie allo sviluppo tecnologico, con delle regole precise e diverse da quelle del mondo vecchio. Anche qui, se pur i casi sono rari, il vagabondaggio e miseria sono presenti…

Dicci di più…

Alcune vie sono simili a quelle di Venezia.

Per aria.

Sono presenti dei ponti che collegano i vicoli, con la sola differenza che al posto dell’acqua, c’è il vuoto.

Ah.

Più si raggiunge il centro di questa metropoli, meno spesso si incontrano queste vie ”veneziane”.

Il centro storico fa schifo.

Protagonisti e trama (da definire).

Il resto, invece…

Due ragazzi. Possibile inserzione di altre persone ”chiave”.

Ecco, sì, sempre che il tuo romanzo non si concluda al primo capitolo (cosa che mi sto augurando).

Un vagabondo misterioso con il quale si scontrano per la strada e in quel preciso istante hanno una visione di un mondo in fiamme e distruzione assoluta, qualcosa di difficile da comprendere; il tutto dura una frazione di secondo.

Uno iettatore va a zonzo in un mondo sospeso per aria, lì sotto c’è distruzione e acqua – roba da idraulici esordienti – ma lui si permette di pensare che le cose potrebbero pure andare peggio. Beh, bel rompicoglioni!

Scioccati da quanto visto, intuiscono che l’uomo ne sa qualcosa, e alla fine egli racconta di essere stato ibernato di propria volontà,

Aspetta che questa mi mancava!

per poi risvegliarsi in questo mondo, e dicome raggiunse la ”terra alata”. Rivela di essere uno scienziato…

Scienziato, iettatore, ibernato. Ma non sarà troppo?

Come vi sembra?

Vuoi davvero saperlo?

Può appassionare per qualche elemento?

Immagino che qualche elemento possa appassionarsi a qualunque cosa, questa è la tua fortuna.

Se non vi scomoda,

Giammai!

vorrei avere un vostro pare e/o consigli.

Il nostro parere – e qui mi tocca parlare al plurale come il Divino Otelma – è che non c’è mai abbastanza gente che molla il fantasy per la vanga. Tu, però, potresti dare il buon esempio.

Grazie per l’attenzione!

Di nulla, figurati, tanto qui passa di tutto…

Tag:, ,

About Gaia Giramenti

Scrivo, ma posso smettere quando voglio.

8 responses to “Trame tramortite: con tutto ‘sto bel fantasy…”

  1. lelemastroleo says :

    …mi piace molto il “mondo di-strutto ed immerso nell’acqua” con l’aggiunta di un po’ di farina mia nonna ci faceva le frittelle a quel modo…

  2. lelemastroleo says :

    …gli scrittori fantasy come servizio pubblico? bella idea.si potrebbero avere bagni più puliti…

  3. Mihaela says :

    Però t nn kapiski l prfzz di tnt mlln fa! :D

    Capirai tutto quando arriverà un’altra volta questa volta che doveva essere l’altra…

  4. Mihaela says :

    Più che brutte sono incomprensibili, della serie tutto fa brodo.

    Un bel purè con la salama e passa tutto! :D

Che fai? Commenti?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 4.491 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: