Trame tramortite: Anubi e la Setta dei Pirla

Gentili traumatizzati da trame tramortite, i traumi non sono finiti. Si stava meglio quando si stava peggio, ma mai peggio dei tramisti… quindi siamo in perfetta salute e pronti a prendere trame e tranvate sulle gengive: stoicamente, con convinzione.

Anche il nostro copia-incolla – bestiolina da tastiera che ci segue amabilmente – è pronto a ricevere la solita dose di “ma non è possibile!”, pur giurando e spergiurando che lui il suo lavoro lo sa fare. È fedele al testo del tramista, se poi il tramista scrive chiaviche… vorrete mica dare la colpa al copia-incolla?

Che ne pensate di questa trama? consigli e suggerimenti! 1 punti!!?

Un punto? E poi che succede, mi regali un tostapane?
Tieniti il tostapane e dammi ‘sta trama, prima cominciamo e prima finiamo, come dal dentista.

questa è la trama del mio nuovo libro e vorrei suggerimenti e/o consigli non insulti però!

Sarò buona, buonissima. Praticamente irriconoscibile.

non teneteconto gli errori devo ancora riguardaro… ditemi del contenuto…
grz mille a tt

Ah, ok, quindi se è scritto da cani è solo un caso…
Ma rileggerlo prima di postarlo ti pareva una finezza indegna di te?

Martina, orfana di padre e di madre, vive con i suoi 4 fratelli, Sandra di 23 anni, Giorgio di 20 anni, Simona di 13 anni e Edo di 8 anni.

Adoro quando i tramisti scomodano l’anagrafe.
Quindi Martina ha quattro fratelli, i genitori no, forse perché in casa non c’è abbastanza spazio.

E’ una ragazzina un po’ strana. Ogni tanto, nella sua testa, sente delle voci strane, molto lontane, confuse, e non capisce cosa stiano dicendo.

Non bastasse il casino che fanno cinque cinni senza genitori – ovviamente la protagonista ha una sfiga titanica, le bambine felici non meritano d’entrare in un libro – , ci si mettono pure le voci.

Sarà un problema di muri di cartapesta? Saranno le voci dei vicini di casa?
Lei non capisce cosa stanno dicendo: oh, vicini… e parlate più forte, porco cane!

I suoi genitori sono misteriosamente scomparsi pochi anni dopo la nascita dell’ ultimo nato.

Metti che gli fosse riuscito male pure questo, saranno andati a nascondersi, a chiedere una grazia, saranno a qualche diretta piagnona sulla Rai!

Nessuno sa dove siano finiti.

Figli distratti! Dove li avete nascosti ‘sti poveri genitori?

Martina ha 16 anni quando nella sua classe ( frequenta la terza liceo classico ) arriva un ragazzo nuovo.

Mica usato, eh? Un ragazzo nuovo.

Si chiama Daniel ed è straniero.

Secondo me è pure figo, qualcosa mi dice che Martina gli sbava dietro nel giro di tre righe…

Il ragazzo all’ inizio non la guarda molto, ma dopo i primi mesi inizia ad interessarsi a lei in maniera molto strana.

Molto strana? Si è messo il tovagliolo al collo, la vuole in salmì?

Strana? Ma quanto strana?

Per i primi tempi sono amici, escono spesso, specialmente da soli, infatti qualcuno li scambia addirittura per fidanzati.

Addirittura!
Ah, le solite malelingue!

In verità Martina è innamorata di Daniel anche se lui non contraccambia.

Ecco, vedi che le malelingue ci avevano visto giusto?
Martina fa di tutto per rendersi appetibile, adesso vediamo se lui la fa al cartoccio…

Un giorno dopo le vacanze di pasqua Daniel non la guarda più. la evita e non ci parla nemmeno.

Avrà trovato una strafiga nell’uovo di Pasqua?

Martina soffre moltissimo per questo e si chiude in se stessa andando in una specie di depressione.

Una specie di depressione, mica una depressione vera. Una roba così, tanto per allungare il brodo del romanzo.

Passano le settimane e Martina prova ad avvicinarsi a lui, ma Daniel è sempre freddo, rigido, composto.

Freddo, rigido e composto. Praticamente una salma!

Oh, Martina, magari è morto…

Un giorno lui le rivela che non posso più essere amici e la prega di non cercarlo più e di dimenticarlo. Martina, dopo aver sofferto ancora a lungo, se ne fa una ragione e non ci pensa più.

Ecco, brava, così si fa! Morto un Daniel se ne fa un altro.

Una notte, mentre i suoi fratelli sono fuori, sente dei rumori in casa. Martina crede che siano i ladri così, impaurita, scappa di sopra e si rifugia in cucina.

Ma al piano superiore non ci sono le camere da letto?
Forse Martina vive abitualmente in garage, perché sono in tanti e a turno stanno nella cuccia del cane.

In realtà non sono ladri, ma sono tre uomini che la vogliono rapire.

Ah, ecco, per fortuna!

Tra questi c’è pure Daniel.

Ma tu pensa! Quindi è interessato a lei ma è troppo timido per farsi avanti in maniera più tradizionale…

La prendono, la caricano in macchina e scappano. Prima dell’ alba sono a destinazione e Martina viene lasciata in una piccola stanza, da sola, con una ciotola di minestra e una caraffa d’ acqua.

E deve anche abbaiare? L’avranno scambiata per il barboncino di casa?

A ogni pasto, tramite una apertura nella porta in basso, gli viene dato il cibo.

Beh, certo, e lei scodinzola per la contentezza.

Dovranno passare 10 giorni prima che lei riveda anima viva. E questa persona è proprio Daniel che gli spiega il motivo per cui è li.

Oh, bene, dai che ci capiamo qualcosa di più…
Il nostro Daniel le farà una dichiarazione d’amore in piena regola e le regalerà un collare di fidanzamento?

Lei fa parte di una società segreta

Talmente segreta che lei nemmeno lo sa…

che sta cercando un libro magico, il LIX, posseduto dal Dio egizio Anubi. Solo chi ha determinati poteri può sapere dove è nascosto e andarlo a prendere. Il potere del libro è quello di rendere immortali e invincibili chi lo possiede.

Ah, ecco, roba da niente…
E’ per questo che Daniel ha bisogno del fiuto canino di lei?

Tutti i membri della società credono che il loro capo spartisca il potere tra tutti loro, ma non è così.

Non è mai così, pirla!

E lei, come i suoi genitori, ha uno straordinario potere, ovvero quello di creare un portale tra il mondo dei vivi e quello dei morti.

Ma non mi dire! E tutte queste cose lei non le sapeva, aveva i morti che le bisbigliavano all’orecchio ma era convinta di beccare Radio Sound dalle casse del pc. Ah, no, quello succede solo a me… o magari sono i morti che mandano gli spot pubblicitari e io do la colpa a Radio Sound.

I suoi genitori non hanno voluto collaborare e per questo li hanno uccisi.

Urca, urca…

Poi se ne va. Dopo qualche giorno si trova al cospetto del capo che le chiede se vuole fare parte dell’ associazione.

Dell’associazione? Cazzo è… la Pro Loco?

In seguito al suo discorso lei rifiuta e viene condannata alla fucilazione.

Sì, certo una cosa che fa poco rumore, adatta alla setta segreta dei Pirla di Anubi.

Daniel è disperato perché in segreto anche lui l’ ama ma non può vederla per via della sua condanna.

E non le porta più nemmeno i croccantini?

Manca un giorno all’ ora della morte e Daniel scopre che non intende ucciderla ma solo trasportare il suo potere per mezzo di un fucile speciale, il LOTOX.

Aspetta che questa scemata mi giunge nuova…

La conseguenza di questa trasfusione è però la stessa: Martina morirà lo stesso perché verrà come svuotata e perderà la capacità di pensare.

Magnifico! E dove lo compro ‘sto gioiellino? Lo trovo su ebay?

Scopre inoltre che appena avrà il libro ucciderà chiunque sia a conoscenza del suo piano per non aver testimoni tra i piedi. Daniel decide così di scappare insieme alla ragazza e, la notte prima della pena, evade per i boschi.

Quindi non saprò mai se il LOTOX funziona?

Passano solo poche ore che il capo viene a conoscenza della sparizione e manda più di 100 mezzi, tra jeep, aerei e eserciti a piedi, per cercarli.

Sempre per fare le cose con garbo, così nessuno si accorge che la segretissima setta dei Pirla di Anubi sta combinando qualche casino…

Mentre sono rifugiati sopra un albero Martina inizia a sentire una voce, quella di suo padre che gli dice cosa fare.

Tipo “Martinaaaaa, Martinaaaaaa, sono tuo padre… Caccia le mele in testa all’esercito!”.

Grazie a lui prendono il mare passando da un tunnel sottoterra usato per il trasporto dell’ acqua ma non più utilizzato.

Ah, no…

“Martinaaaaa, Martinaaa, sono sempre tuo padre. Molla le mele – idiota! – e infilati nelle fogne…”.
E Martina esegue, tirandosi dietro quell’altro pirla di Daniel, che la voce di babbo non l’ha sentita e si chiede perché Martina stia scavando come un cane da tartufi.

Prima però di imbarcarsi vengono rintracciati ma non attaccati, in modo da non lasciarseli sfuggire.

Beh, certo, se li attacchi adesso finisce che il libro è troppo breve.

Durante la traversata 10 sottomarini li seguono senza farsi vedere.

Pure i sottomarini? Ma questa non è una setta… è una superpotenza!

Approdati su un’ isola sperduta nel centro del Pacifico scoprono un passaggio che li porterà in una sorta di limbo dove è nascosto il libro.

E ti pareva che non ci fosse un passaggio segreto sotto le palme?

Lo trovano ed escono ma trovano tutto l’ esercito del capo ad attenderli.

Oh che colpo di scena, o che colpaccio! E quindi?

Così ritornano nel limbo, riescono a creare il filtro magico che renderà Martina invincibile e tornano ad affrontarli.

Loro nel frattempo aspettano. Hanno tirato un’amaca tra le palme: fate con comodo, qui si sta da papi!

Intanto il capo ha fabbricato una MATROK, una spada che lo rende potentissimo in questa battaglia Martina vince e il capo verrà trascinato nel mondo dei morti dal dio Anubi, spuntato improvvisamente dalle acqu

Anubi nel Pacifico? In ferie, magari?

Dettagli aggiuntivi

scusate 10 punti!

Sempre per il tostapane, immagino.

nn lo so ancora il nome… ci metto mesi e mesi x ideare un un titolo, accattivante e che mi piaccia… t hai qualche suggerimento?

Beh, La Setta dei Pirla non mi pare malaccio come titolo, voglio dire, non peggio della trama…

bh… nessuna ha detto che deve essere realistica.. e poi vbbe sn numeri così… li devo ancora sistemare
cmq grz anche a te

No, ma certo, non deve mica essere realistica, basterebbe fosse leggibile…

g.

Annunci

Tag:

About Gaia Conventi

Scrivo, ma posso smettere quando voglio.

Trackbacks / Pingbacks

  1. Trame tramortite: Anubi e la Setta dei Pirla | SegnalaFeed.It - 31 maggio 2011
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: