“Giallo di zucca”: accordi col cane prima del viaggio…

Giallo di zucca

«Allora, facciamo così» spiego al cane «tu stai sul sedile anteriore, non si potrebbe ma diciamo che sei un mezzo cane poliziotto e ti concedo certi lussi.» Poirot mi guarda perplesso, essere mezzo cane poliziotto potrebbe implicare il dover lavorare, almeno a metà, e lui a questa cosa non ci tiene. «Se vedo la Stradale ti faccio un fischio e tu, immediatamente, ti nascondi. Ti cacci sotto al cruscotto, sotto al sedile… dove ti pare basta che fai sparire il grugno dal finestrino. Siamo intesi?» Lo scruto con serietà, il nostro rapporto umano-canino implica fiducia e accettazione delle regole.
Di solito le regole le fa Poirot ma stavolta gli conviene darmi retta, potrei riuscire a schivare la multa della Stradale mostrando il mio tesserino, ma la figura barbina rimarrebbe a imperitura memoria.

Tag:, ,

About Gaia Conventi

Scrivo, ma posso smettere quando voglio.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: