L’editoria affonda? Ecco la raccolta fondi! Paghi e diventi protagonista.

Il mondo è dei furbi!

«I fan finanziano il giallista ed entrano nel noir» racconta il Corrierone – l’articolo è qui –, quindi se conoscete un tale che ha scucito dei soldi per questa faccenda… be’, presentatemelo, gli voglio stringere la mano. Colleziono volentieri tonti e tramisti, sappiatelo.

«Con cinquecento euro (meno del costo di un iPhone), lo scrittore noir Victor Gischler potrebbe dare il vostro nome al protagonista del suo prossimo romanzo», ma dai, ti fa un favore del genere per così poco? Serena Danna deve essere una signora di larghe vedute e ampio portafoglio, a me la cifra non pare irrisoria. Sì, ok, datemi pure della taccagna.

Eppure bisogna ammettere che Victor Gischler – «Autore di culto negli ambienti hard boiled e cintura nera di arti marziali»… e si è ridotto in questa maniera? – cerca davvero di guadagnarseli ‘sti soldini. «Il metodo è quello del crowdfunding, la raccolta di fondi attraverso microfinanziamenti sul web», il “micro” stona un po’ con quei cinquecento euro ma se qualcuno ci casca allora l’idea è buona.

Il nostro Victor non è il primo – e, visti i tempi, manco l’ultimo – a essere ricorso al cappello in piazza – piazza virtuale – ma «L’originalità dello scrittore della Louisiana sta nell’aver pensato di dover ricambiare lo sforzo dei lettori con qualcosa di più di un prodotto di qualità». E già si impegna a non scrivere una porcata, cosa non da tutti!

«Così Gischler ha stabilito tetti diversi di contributi, da 1 dollaro a 5 mila dollari: a seconda della cifra donata – eccezion fatta per un dollaro che, si legge sul sito, «è solo un modo per dire buona fortuna» -, ogni finanziatore riceverà qualcosa in cambio dall’autore». Sì, avete capito bene, il nostro eroe valuta di poter spillare a qualcuno ben cinquemila dollari: che uomo ottimista!

Vediamo allora il listino prezzi di questa avventura editoriale.

Un dollaro: sei uno spilorcio schifoso!

Cinque dollari: «una copia gratuita dell’ebook»… ma pagata cinque dollari. Però te la manda in anteprima. Ah, ok.

Dieci dollari: ebook gratuito in anteprima – gratuito al costo di dieci dollari – con tanto di «nome citato nei ringraziamenti». Un “grazie ma potevi fare di più”.

Venticinque dollari: un contenuto extra. Eh? Boh, ma va bene così. Vorrai mica rifiutare un extra?

Cento dollari: puoi battezzare col tuo nome un personaggio minore. Che culo!

Duecento dollari: «la promessa di un cameo in un fumetto di prossima uscita», e mentre ti promette ‘sta cosa ti invia «una copia dell’ebook autografata e il pdf con i contenuti speciali». I contenuti speciali di un pdf sono quelle robe che un editor ha tagliato via perché erano assolutamente inutili (e a volte dannosi).

Duecentocinquanta dollari: puoi dare il tuo nome a un personaggio importante del libro. Oh, finalmente qualcosa di concreto, tangibile… finalmente un ritorno degno di nota!

«A partire da 500 dollari, comincia il bello: è quella, infatti, la cifra per dare il proprio nome al protagonista (maschile e femminile) del romanzo», il resto è fuffa! «Per un contributo di 2.500 dollari, Gischler volerà invece ovunque voi siate nei confini americani (unica avvertenza: occorre essere domiciliati negli Usa) per preparare una grigliata in giardino per famiglia e amici e «chiacchierare, bere e meditare sulla fine della civiltà». Infine, con l’offerta di 5.000 dollari, per la verità ancora vacante, lo scrittore offrirà (aereo, pernottamento e vitto inclusi) al finanziatore un tour della «Battle of Epcot», ricreando alcune delle scene più significative del romanzo». Ecco, bene, con duemilacinquecento dollari ve lo ritrovate in giardino a parlare della fine del mondo, col doppio vi tocca andare da lui e sentirlo cianciare delle stesse facezie mentre vi fa fare un tour – di cui magari non vi frega un razzo – e si lagna della vitaccia dello scrittore di culto.

Questo qui è un genio, io spenderei un dollaro solo per il piacere di mandarlo… ehm, sì, là.

Tag:, ,

About Gaia Conventi

Scrivo, ma posso smettere quando voglio.

21 responses to “L’editoria affonda? Ecco la raccolta fondi! Paghi e diventi protagonista.”

  1. Daniela says :

    Io ne spendo 10 di dollari per finire la tua frase,ci stai? Robe da matti!

    Mi piace

  2. Stranoforte says :

    Per duemila euri organizzo una serata a base di malloreddus, porcetto (rubato al vicino, che è più buono) con rametti di mirto, seadas, liquore di mirto, poesie varie di amici e amiche in costume sardo, ché quelli – i poeti – non mancano mai, e canti sardi col mangianastri. E vi cito con nome, cognome e altri dati sul mio blig.

    Mi piace

  3. Stranoforte says :

    che poi sarebbe un blog.

    Mi piace

  4. Ferruccio Gianola says :

    Be’ ormai si inventano tutte. Il guaio è che non conosco lo scrittore:-)
    Fosse stato Lansdale o McCarthy c’avrei fatto un pensierino

    Mi piace

  5. Leggivendola says :

    … no, dai, avessi un lavoro spenderei il mio danaro gioiosamente per comparire in Deadpool. Magari nella continuazione di ‘In viaggio con la testa’. Cristoddio, Gischler! Gischler! Mica pizza e fichi, oh ù_ù Autore di Black City e di un fottio d’altri libri che non vedo l’ora di acquisire. Genialissimo sceneggiatore Marvel. Avessi del danaro da spendere lo farei venire volentieri fin qui e mi farei autografare fumetti, libri, pareti, gatti, ventilatore. Minchia, gli farei ridipingere la facciata a forza di firme!
    … CRISTO, GISCHLER T____T Allegro e apocalittico minchione del mio cuore!
    (Ferruccio Gianola, se ti garba Lansdale allora leggi Gischler xD Te lo raccomando assai. Ma assai.)

    Mi piace

    • Gaia Conventi says :

      Insomma, devo vuotare il maialino e invitare il tizio nel mio salotto… 🙂

      Mi piace

      • Leggivendola says :

        Ah boh, de gustibus ù_ù però mi pare di ricordare che gradisci messer Lansdale, in caso credo possa garbarti ‘bastanza… Black City mi ha ricordato molto La notte del drive-in. Anche se era tradotto un po’ così così… comunque Goschler è oltremodo apprezzabile, qui è un po’ di nicchia ma in USA è uber-famoso, quindi credo che ci metterà poco a raggranellare i fondi necessari ò_ò

        Mi piace

        • Gaia Conventi says :

          Vedrò di scovarlo di seconda mano, il tizio ha una faccia che non mi convince (mica come scrittore, eh? non mi convince come simpatico).
          Grazie per il consiglio! 😀

          Mi piace

  6. julka75 says :

    Ma tu guarda, e io che mi ostino a pescare gente verosimile gratis. Ora metto a disposizione un bel tariffario. Che se sei un cattivo di quelli sfaccettati mica è facile, il personaggio, ci vuole più lavoro e l’autore va pagato bene.

    Mi piace

  7. Tale's Teller says :

    Pensa un po’, per il costo di una pizza io sono così fesso da farmi quattro chiacchiere con chi capita.

    Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: