Giovedì… gnocche! “Lezioni intime”, la biografia di Valeria Marini.

Che ci crediate o meno, Valeria Marini vanta studi classici. Poi butta tutto in vacca e inizia la carriera come modella, con lo pseudonimo Lolly.

Nel 1990 arriva terza – nonostante una quarta abbondante – al concorso nazionale Una ragazza per il cinema; nel 1991 si dà al teatro recitando in I ragazzi irresistibili (di Neil Simon), dove interpreta – ma no! – la parte dell’oca giuliva. Parte che le riesce a meraviglia e che continuerà a interpretare anche in seguito, pure nel suo tinello.

Nel 1992 arriva in tv – sia maledetta Gabriella Carlucci! –, nel programma Luna di miele e viene notata – è troppo tanta per non notarla – da Pier Francesco Pingitore. Il sior Pingitore la pinge al successo col varietà del Bagaglino.

In seguito la Marini sostituisce – nel varietà Saluti e baci – quell’altra mente eccelsa di Pamela Prati, nello stesso anno la Marinona nazionale conduce La grande sfida, con Gerry Scotti. Continua a essere primadonna al Bagaglino e per diverso tempo non si riesce a schiodarla dagli schermi.

Al cinema recita – diretta da Pingitore – in Gole ruggenti e Abbronzatissimi 2, stavolta per colpa di Bruno Gaburro. Nel 1994 ce la ritroviamo di nuovo tra i piedi – in tv – assieme ad Alba Parietti: trattasi di Serata Mondiale, trasmissione dedicata ai mondiali di calcio. Quell’anno l’Italia venne sconfitta in finale, ai rigori. Non per essere cattivi, ma con una trasmissione diversa… avremmo potuto vincere.

La siora Marini è stata testimonial della IP, sempre ammiccante e con l’unica espressione che le riesce possibile; ha posato per diversi calendari e persino Helmut Newton si è scomodato a levare per lei il copri obiettivo.

Nel ‘95 recita nel film tv Sorellina e il principe del sogno – di Lamberto Bava –, nel ruolo dello “Spirito della fonte dei sogni” e doppia un personaggio dei Simpson – in USA l’hanno fatto doppiare a Michelle Pfeiffer, spero vi renderete conto di come siamo messi.

Viene poi scelta dal regista spagnolo Juan José Bigas Luna come protagonista del film erotico Bambola, una di quelle pellicole in cui la Marini avrebbe dovuto farsi doppiare dai Simpson. Ha recitato anche nella commedia teatrale Nata ieri, diretta dal regista Giuseppe Patroni Griffi. Non si capisce come la Marini possa recitare, ma pare ci caschino in parecchi.

Nel 1997 conduce il Festival di Sanremo con Mike Bongiorno e Piero Chiambretti, l’anno successivo recita con Alberto Sordi nel film Incontri proibiti ed è tra i protagonisti del serial Rai Pepe Carvalho e della fiction Mediaset Il settimo papiro. Per non farsi mancare niente, è pure la guest-star della prima puntata del programma La posta del cuore, di Sabina Guzzanti. Due anni dopo la ritroviamo accanto a Pippo Baudo nel varietà La canzone del secolo.

Se vi state chiedendo perché il secondo millennio sia ansato così tristemente a rotoli, sappiate che la siora Marini ha condotto il programma Millennium, la notte del 2000, insieme a Gigi Proietti. In quel momento il baco del millennio ha avuto paura di se stesso!

Nel 2000 e 2001 gira film in Spagna – forse in qualità di mimo –, torna poi in teatro, diretta da Giorgio Albertazzi. Cosa che non gli perdoneremo mai. A quell’epoca è ospite fissa a Quelli che il calcio e co-conduttrice di Donna Domenica con Paola Cortellesi.

Pingitore continua a volerla vedere in tv – ma perché? perché, porca pupazza? – e la ritroviamo protagonista della fiction La palestra. Tra i suoi successi cinematografici ricordiamo anche In questo mondo di ladri, con Ricky Tognazzi e Leo Gullotta, per la regia di Carlo Vanzina.

Non bastasse questo, nel 2005 ha condotto – con Michele Cucuzza –, il galà La Kore – Oscar della moda. In quell’anno ha anche esordito nel mondo della moda, ovviamente con una linea di intimo.

La siora ha fatto questo e molto altro – reality inclusi, persino sua madre ha partecipato a un reality… non c’è limite al peggio! –, ma il mondo la ricorda soprattutto per la sua storia d’amore con Vittorio Cecchi Gori.

E qui arriviamo alla sua biografia: nel 2008 la Marinona dà alle stampe Lezioni intime, e Cecchi Gori ha la sua bella fetta di carta.

Sconvolgenti rivelazioni di Valeria Marini, nel libro “Lezioni Intime” racconta Affaritaliani.it –, la Marini snocciola tutte le sue sciagure, tra queste anche un aborto, deciso di comune accordo con Cecchi Gori, che le avrebbe fatto notare che – con il pancione – sarebbe stato impossibile… andare in barca.

Grande gossip! Dall’amore giovanile con Jovanotti («Ai tempi era solo Lorenzo Cherubini, mi chiamava Lilla») all’incontro con Federico Fellini («A Cinecittà mi ha pedinata finché non ci siamo presentati »). Con un inserto chiuso «Vietato ai minori» decisamente piccante, dove parla di misure maschili («Contano!»), dirty talking («Non farti remore»), autoerotismo («L’adoro da sempre») e défaillance («Non mi è mai capitato»). (Fonte Corriere della Sera)Affaritaliani specifica che la sezione vietata ai minori […] si apre tagliando il bordo con la forbice. 

Ma torniamo a quel gentiluomo di Cecchi Gori – la fonte è ancora il Corrierone –, «La prima volta che l’ho incontrato, a Palazzo Borghese, si stava facendo fare la manicure. “Ti dispiace se continuo?”, mi ha chiesto… ». Sono cominciati così sei anni di altissimi e bassissimi, cementati dai problemi giudiziari di lui. «La sera della famosa irruzione eravamo stati a cena dal generale dei carabinieri Giovanni Narici… Su quella notte è stato scritto di tutto, compreso che io indossavo un baby doll: peccato che avessi una sottoveste nera». Lui le disse: «Togliti da questa storia, tu non c’entri». Valeria rimase. Che donna!

«Mi ero impegnata a ricostruirgli un nucleo di amici veri. Al nostro tavolo si incrociavano personaggi di ogni ambiente: dalla famiglia Letta a Giuseppe Tornatore, da Fausto e Lella Bertinotti a Roberto Benigni e Nicoletta Braschi». Quando il compagno vende a Telecom Tmc1 e Tmc2, lei è contraria. «Consigliavo a Vittorio di trovare un’intesa con il Gruppo Fininvest. Ma mi sembrava di capire dai giornali che Massimo D’Alema fosse molto favorevole all’accordo con Telecom ». Con la Fiorentina non andrà meglio. «Tutti sostenevano che Vittorio avesse avuto tanti problemi perché si era messo contro Berlusconi, facendogli concorrenza con le tv. Ma la verità è che il Cavaliere è stato uno dei pochi ad averlo aiutato». A questo punto, viste le tante sfighe di Cecchi Gori, si potrebbe azzardare che sia proprio la Marini a portare iella.

Lezioni intime lo si può comodamente acquistare su IBS – qui –, il fatto che il tomo non abbia ricevuto alcuna recensione dagli utenti, be’, potrebbe voler dire qualcosa. Su aNobii, invece, ne parlano bene: Una vera sorpresa. Libro curatissimo, studiatissimo e godibilissimo. Da non crederci. Ecco, appunto, da non crederci.

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

About Gaia Conventi

Scrivo, ma posso smettere quando voglio.

10 responses to “Giovedì… gnocche! “Lezioni intime”, la biografia di Valeria Marini.”

  1. sarapintonello says :

    ma il “odibilissimo” ha un doppio significato? ci sono le figure? 😀

    Mi piace

  2. Elena says :

    il baco del millennio ha avuto paura di se stesso…………….non mi reggo più dal ridere!! basta, vado a cucinare, va che forse mi passa la ridarella!!!

    Mi piace

  3. sarapintonello says :

    ooooh ma ieri hai saltato la fantastica rubrica del giovedì 😦

    Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: