Trame tramortite e la tramista che fa la gnorri.

Già, cosa passa per la testa di certa gente? L’Elfa Nera non lo sa, proprio non capisce, non se lo spiega…

Specifica nei dettagli aggiuntivi, così gli utnti possano cpire il senso della domanda perché così per me è impossibile risponere. 

Poverina, ha ragione… lei rientra proprio tra la «gente improponibile».

Ho finito da un po’ il io romanzo Fantasy, vorrei sapere in linea generale come vi sembra la trama.

Occhi aperti e manina a coprire gli sbadigli. Siete pronti? Bene, allora partiamo.

I protagonisti sono due principi gemelli Foren e Furon,

Ma non si sentiranno un tantino ridicoli con ‘sti nomi? Ok, dai, aiutiamoli: Furio e Furia. Ehm, no, Furio e Fauno. Ehm, no, niente. Floriano e Fulgenzio. Ecco, sì, forse ci siamo.

Allora, i protagonisti di questa incredibile vicenda sono i gemelli Floriano e Fulgenzio Rossi, ché col cognome sono più eleganti.

per decidere chi di loro erediterà il trono dovranno ritrovare lo scettro di un antico mago vissuto mille anni prima.

Floriano e Fulgenzio hanno un trono comodo e un problema scomodo: un mago sbadato – lo scusiamo per via dell’età – ha smarrito lo scettro.
L’avrà infilato da qualche parte, sarà finito in un ripostiglio, in soffitta assieme all’albero di Natale…

I due fratelli iniziano il viaggio assieme al capo delle guardie imperiali,

Floriano e Fulgenzio devono ritrovare ‘sto scettro ma il reame è grande e gli serve una mano. E a chi vuoi andare a rompere le balle in questi casi? Al capo delle guardie imperiali, tanto a fare cassa ci pensano gli ausiliari del traffico.

Shuy e i due suoi figli Heil e Naiw,

Il capo delle guardie ha ovviamente un nome del cazzo, ma noi siamo buoni e lo ribattezziamo Serpico.
Il nostro Serpico si porta appresso i due figli – la moglie è andata dalla parrucchiera e l’asilo è chiuso per ferie –, i due pupattoli sono Elisabetta e Nemo.

Nemo da grande sceglierà d’entrare in marina e diventerà capitano: era scritto nelle stelle, si fosse chiamato Gustavo avrebbe fatto l’assaggiatore di corte.

che dovranno giudicare chi dei due sia ik più adatto a diventare sovrano

Durante questa simpatica caccia allo scettro, Serpico e i due figli devono decidere chi è il più bravo tra Floriano e Fulgenzio. E come faranno a scegliere il vincitore?

osservando il coraggio, la compassione e la fedeltà.

Una noia, siori miei… i bambini iniziano presto a tartassare papà Serpico: «Papà, papà… e la mamma? Andiamo dalla mamma?», i due piangono e sbatacchiano i giochini contro i calcagni del povero padre.

Lui ha il coraggio di sopportare i piccoli rompiballe e prova compassione per quei due pirla di Floriano e Fulgenzio.
E certamente giura eterna fedeltà alla moglie, ci mancherebbe!, e nel frattempo si ripromette di fare una cospicua donazione all’Hatù.

Insomma, ha già vinto lui: dategli lo scettro e leviamoceli tutti dai coglioni. Dai che è tardi e i bambini frignano!

Ma

una volta trovato lo scettro, leggendo le parole scritte sulla superficie del bastone,

Già, perché lo scettro è ricavato da un manico di scopa, che reame di poveracci!

verranno catapultati nel passato per una missione che va ben oltre le loro capacità.

Pure oltre le nostre. Le nostre capacità di sopportazione.

Ora capite a cosa alludeva Luigi?

Tag:, , ,

About Gaia Conventi

Scrivo, ma posso smettere quando voglio.

16 responses to “Trame tramortite e la tramista che fa la gnorri.”

  1. impossiball says :

    Chissà se ha letto questi libri

    Mi piace

  2. Liam says :

    Qui c’è poco da sfottere. Trame così: gente che si mette in viaggio, (fratelli, cugini, padri e figli) che cerca scettri, libri, tutta roba antica, con l’aiuto di parole incise sul legno, no no, mica la puoi buttare. Queste son trame da bestsellers. Ci si fanno i soldoni

    Mi piace

  3. impossiball says :

    Tra l’altro, attualmente con la mia improponibile band stiamo scrivendo i brani del nuovo cd, mi chiedo se per ora siamo esonerati dalla domanda (il tizio parla di chi “scrive libri” e di chi “pubblica cd”).

    Mi piace

  4. minty says :

    Ora però ho un dubbio atroce: ma, tecnicamente, quindi, come si chiama la parte ‘bastonica’ di uno scettro? °_°

    (Dragonlance, eh! Uhm… mai letto! ^^; Non avrei mai smascherato la fonte d’ispirazione XD)

    Mi piace

  5. paolo f says :

    I gemelli foren e furon mi fanno venire in mente i nomi che si trovano in Romagna: ricordo i fratelli Vilmer, Vanes e Devis, e il trio Neves (femmina), Evro e Afro, e ce ne sono molti altri, un vero spasso! 🙂

    Mi piace

    • Gaia Conventi says :

      Rilancio con un vecchio post dedicato ai nomi ferraresi. 😉

      Mi piace

    • minty says :

      Il cugino di mio padre si chiama Silver, come l’autore di Lupo Alberto. Solo che nel suo caso non è uno pseudonimo 😀 E sì, ho anche una zia Nives e una cugina Meris…
      Sui nomi di Romagna si può discettare, studiare e ridere per anni! E’ un vero peccato che le mode televisive abbiano portato a una generale normalizzazione dei nomi di battesimo: fino a un paio di generazioni fa scorrere un appello in un’aula romagnola era come mettere in moto la fiera delle mille curiosità dal mondo XD

      Mi piace

Trackbacks / Pingbacks

  1. Trame tramortite e la tramista che fa la gnorri. | SegnalaFeed.It - 3 settembre 2013
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: