Art attaccati ar tram: Natale in carta e colla (3 di 5)

A metà di questo avventuroso Art attaccati ar tram – qui la prima puntataqui la secondavivi e vegeti e ancora intenzionati a fare quelli che con ‘ste minchiate si divertono, ecco la terza proposta in carta e colla: tutta una serie di addobbi, uno più sefò dell’altro, per il vostro alberello.
Che vuol dire sefò? Sta per kitsch, tocca sempre spiegarvi tutto.

Ehhhh… ma che meraviglia! Non sono carini? Sì, ok, non sono carini.

Per consolarvi di tale chiavica, il consiglio libresco è: Breve storia dei trattori in lingua ucraina di Marina Lewycka (con traduzione di Luigi Maria Sponzilli). Trattasi di un libro che abbiamo letto in tre. Lo conoscono in pochi e quei pochi ne parlano bene. Non potrà certo essere peggiore di questo lavoretto in carta e colla, dai!

Tag:,

About Gaia Conventi

Scrivo, ma posso smettere quando voglio.

3 responses to “Art attaccati ar tram: Natale in carta e colla (3 di 5)”

  1. Michele says :

    certo che il libro pare oltremodo interessante, quasi quanto: storia e gloria della chiave a brugola!

    "Mi piace"

  2. pipporusso says :

    L’ha ribloggato su Cercando Obliviae ha commentato:
    Giramento del lunedì…

    "Mi piace"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: