Il Natale passa, i tramisti restano. Che culo!

Sopravvissuti al pranzo di Natale? Bene, perfetto, allora vediamo di digerire anche i tramisti.

Avete mai pensato che il vostro desiderio di leggere nascondesse il desiderio di conoscere pensieri profondi?

Ohhh… il miracolo di Natale! Non ci posso credere, sono commossa…

Pensieri di altre persone come voi.

Però, a ben pensarci, tutta questa profondità d’animo potrebbe uccidermi.

Pensieri che, probabilmente, non avreste potuto condividere con nessuno nella realtà di tutti i giorni…

L’antidoto, presto!

Sì! Ma ho smesso di leggere quando ho capito che tutto quello che leggevo era tutto quello che ho sempre pensato e allora io ho capito che mi avevano fregato rivendendomi tutto quello che penso e che pensano tutti. Quante ne se fanno per campare!

Grazie, mi hai salvato la vita.

Ciao a tutti esiste un libro che raccoglie la storia, le religioni, le culture di altri popoli, la vita di artisti, scrittori, ecc.. insomma un libro grazie al quale ci si può fare una cultura generale?

Un libro solo, ma che sia breve e scaricabile da internet. Gratis.

Voglio comprare un libro ma non me ne intendo ..?

Di libri.

Condizioni sufficienti e necessarie:

Che sia un libro, certo. Ah, non basta?

Livello ortosintattico medio, sono un ragazzo di scuola superiore.

Guarda, mi hai già impressionata.

Voglio un libro che mi faccia riflettere sui contenuti generali delle relazioni tra gli uomini.

Certo, una roba così.

Che mi spieghi della mia energia interiore e della capacità di riflettere influenzata dal mondo esterno.

Ah, ok…

Che si ispiri tanto allo yoga e alla riflessione.

Praticamente un abbecedario trascendentale con tante figure da colorare.

Dire, fare, baciare, lettera e testamento.

Ah, non saprei, ma lei lo sa… e insiste.

Be’, sì, in effetti…

Quindi deve trattarsi d’un quesito importantissimo se ha spinto Valentina a iscriversi a Yahoo Answers. Chiedendo proprio ‘sta cosa e chiedendola due volte. O no?

Conoscete per caso il titolo di qualche libro che tratti del tema del naufragio?

L’editoria sta colando a picco, la scelta è ampia.

Più o meno come a te piace maltrattare l’italiano, certo.

Quando leggere il ibri?

Spesso. Nel tuo caso, più spesso di così.

Un pò tutti leggiamo rivite o libri.

Alcuni un po’ meno.

Voi, quando leggete?

Tutte le volte che incontriamo un tramista. Per rimettere le cose in pari.

No, dai, non può essere…

Guarda che non l’ha scritto Morgan, quello di X Factor, se è questo che intendi. L’ha scritto un’americana che di nome fa Marlo e di cognome Morgan, e tratta della sua esperienza fra gli aborigeni australiani.

Grazie Susanna, stavo per risponderle a sputi. Aggiungo anche che il titolo in questione è una vaccata. Lo dice Wiki e lo chiarisce Il libro dei libri bugiardi.
Ma non diciamolo a Ludovica sett’anni, rischiamo di bloccarle lo sviluppo.

Quel raga mi dice che stai scrivendo un libro, vuoi diventare famosa e fare un sacco di soldi. Ah, già, e finirai per pubblicare a pagamento. Insomma, raga tutto rego.

Che probabilità ho di avere successo pubblicando un libro?

Aspetta che prendo il Vetril e lucido la sfera di cristallo.

Non dico di diventare chissà che cosa ma almeno far conoscere il mio nome alla gente.

Certamente, per il bene dell’umanità.

So che la scrittura è un’arte e il mio intento è quello di ampliare questo campo con gli eccessi.

Eh?

Cioè io sono disposto pure ad andare nudo all’angelus per promozione, ad indossare abiti fatti con dei preservativi e qualsiasi altra cosa mi renda noto ad una platea.

Ma vuoi fare lo scrittore o il cretino? Capisco che in alcuni casi le due cose coincidano, ma non è la regola. Sei proprio sicuro che ‘ste pagliacciate servano?

Il mio scopo non è solo quello di attirare l’attenzione perché i miei eccessi sono una parte di quello che voglio realizzare,

Ah, ok, vuoi fare una cretinata più grande.

ovviamente io il cervello c’è lo metto

E ce lo metti male.

in quello che faccio ma voglio mettercelo a modo mio..

A modo tuo, scrivendo così. L’umanità ringrazia e va a pigliarsi una sbronza.

Annunci

Tag:,

About Gaia Conventi

Scrivo, ma posso smettere quando voglio.

16 responses to “Il Natale passa, i tramisti restano. Che culo!”

  1. mozart2006 says :

    Vuole andare nud all’ angelus? Fose una ragazza, sottoscrivo! 🙂
    Ah, il libro sulla cultura generale esiste da decenni, si chiama Bignami!

    Mi piace

  2. sandra says :

    Sono fortemente indecisa, non so se mi abbiano fatto impazzire di più il caso Morgan, le cretinate in eccesso o l’italiano claudicante (più del solito), in ogni caso un bel fernet alle 10 del mattino e passa tutto giù che è un piacere, anche eventuali residui di pranzo natalizio, o forse no? Meglio passare direttamente all’acido muriatico. Un bacione

    Mi piace

  3. sedcetta says :

    Una volta, ai miei tempi, esistevano i sussidiari. Bisognerebbe rispolverarne uno e inviarglielo per l’Epifania.

    Mi piace

  4. Alessandro Madeddu says :

    Anche questa volta delle vere perle!

    Mi piace

  5. Paul says :

    Il libro di Morgan ce lo fece leggere la prof di italiano tanti anni fa… inutile dire come noi cambiammo subito la parola “cuori” del titolo con qualcosa di un po’ più scurrile, ma che iniziava sempre per “c” e rendeva meglio l’idea del romanzo.
    Riletto da più grandicello invece non era così male, vero o inventato che fosse.

    Mi piace

  6. danven76 says :

    “ovviamente io il cervello c’è lo metto” ha fatto il modesto lui, che carino, ché le parti più importanti del suo corpo le ha omesse.

    Mi piace

  7. Liam says :

    L’Amanda ( ci metto pure l’articolo come facciamo noi polentoni) la sa lunga e la vuole sapere ancora più lunga, ma in un file zippato.

    gli altri invece… ehm… boh, non ho ben capito

    Mi piace

  8. tibi says :

    Ci sarebbe solo da piangere, ma quella di Morgan mi ha fatta piegare in due. Ho le lacrime agli occhi, sto per sentirmi male xD

    Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: