Tramisti tra mari e monti.

Senza i tramisti non sarebbe venerdì e senza venerdì non saremmo al weekend. Insomma, i tramisti servono. Occorre farsene una ragione.

Pubblicando con ilmiolibro.it le pubblicazioni verrebbero esposte anche sugli scaffali delle librerie?

«Pubblica, leggi, scopri» se ti cacciano sugli scaffali.

E qui occorre fare una piccola – minima, infinitesimale – distinzione tra autopubblicarsi – ilmiolibro.it non sbatte la porta in faccia alla roba indegna – e riuscire a farsi pubblicare da un editore. E per editore intendiamo un tizio che ci mette il soldo, mentre l’autore ci mette il testo. Perché, come ormai sa anche mia nonna – che legge Giramenti dall’aldilà –, un editore che chiede soldi allo scrittore è solo un tizio che ha capito come impallinare egocentrici. O allocchi. (La puntata prometteva selvaggina, poi verranno anche i pesci palla… al piede).

Quindi, caro scrittore che ti autopubblichi decidendo – tu e soltanto tu – che il tuo romanzo è cosa buona e giusta, hai anche la presunzione di finire sugli scaffali di una libreria? Magari ci finirai, ma non ora e non così. Perché così è troppo facile. Così è pretendere librerie parecchio ampie – le scritture dei tanti egoscrittori pigliano spazio –, così è voler saltare la coda. Non ti pare?

So che le pubblicazioni entrano anche nel circuito cartaceo Feltrinelli, e che si possono acquistare in libreria, ma ciò avviene solo ordinando sul posto, o le librerie possono già disporne al momento ? E’ importante, per cui grazie dell’eventuale risposta.

Molto tempo fa, per far contento un conoscente, ho ordinato una simile pubblicazione. Non ho voluto ripetere l’esperimento.

Secondo voi è possibile scrivere due romanzi contemporaneamente?

Direi di no, ma magari non sono brava quanto te. E infatti…

In questo momento sono impegnata nella stesura di una storia. Ho iniziato a scriverla a Marzo,e quindi ne ho già adottato della confidenza.

E vi date del tu. O magari, ballonzolando da un romanzo all’altro, pure del tutù.

Il problema è che ho appena avuto un’ispirazione fulminante.

In che senso?

E’ come se,per un attimo,avessi avuto davanti agli occhi l’opera che nessuno si azzarderà mai a creare.

So di avere le armi necessarie per narrarla

Wow!

(datemi pure dell’arrogante,forse me lo merito),

Ma solo forse, eh?

ma ho paura di trascurare la mia prima idea. I libri sono delicatissimi,vanno curati uno alla volta,oppure crollano tutti assieme.

No, stai tranquilla: senza spazi dopo la punteggiatura si reggono meglio. Diventano inossidabili.

Però… tengo molto a questa nuova storia che sto creando nella mia testa,e vorrei subito iniziare a metterla in parole.

Ché a metterla in frigo poi si sciupa.

Voi cosa pensate?

Se vuoi sembrare credibile e non arrogante scrivi correttamente almeno la domanda!  

Grazie, non sapevo come dirglielo… poverina.

Be’, libri… non esageriamo.

Non so che storia scrivere……?

Fremo d’accorata partecipazione.

Ciaoo a tutti scrivo fanfiction ma ora sono in crisi non so che storia scrivere…sono in crisi!!! Cosa mi consigliate???

L’equilibrismo sulla riga di mezzeria.

Scrivere un libro che non sia troppo autobiografico?

Magari!, e invece tutti i tramisti finiscono per scriversi e piangersi addosso.

vorrei scrivere un libro ma ogni volta diventa quasi un autobiografia, diventa sempre ogni volta vhe lo riscrivo troppo personale….come devo fare???

Prova con l’equilibrismo. E due.

per leggere intendo i libri.

E abbiamo completato il trio dell’equilibrismo su strada. Meglio se trafficata.

Entrate per favore 10 punti facili facili :)?

Robe utili, più o meno come un salvagente di ghisa.

Salve mi chiamo giada ho 12 anni

Ohhh… piccina… E quindi, che vuoi?

e sto in seconda media io domani avrei un compito in classe

E allora?

e dobbiamo scrivere un diari ma io mi dilungo

Ti dilunghi.

io ultimamente ho scritto una sceneggiatura e mi sono dilungata

E ti sei dilungata.

a me piace scrivere e ci ho messo dei giorni

Dilungandoti.

dunque potreste consigliarmi qualche traccia di diario qualsiasi ma che sia avventurosa e che duri massimo 5 giorni di diario io ho provato ma mi sono dilungata di nuovo

Ma non mi dire! Ti sei dilungata. Ancora. Ma guarda che è proprio un vizio, eh?

Aiutooooo 10 punti assicurati solo una traccia ma che sia bella il mio genere è avventura cose misteriose o altro una piccola traccia

E ti sei dilungata anche nel quesito su Yahoo Answers. Uff…

Vedrai che folla!

Come non detto.

Grammatica italiana:qual è la forma corretta sono arrivati i tuoi amici,pensaci tu a riceverli opppure sono ar?

Eh?

ragazzi o un problema di memoria perchè non ricordo quale di esse va bene per favore aiutatemi

La memoria. Certo, certo…

Avete mai pensato che cosa succederebbe se harry potter fosse stato messo nei serpeverdi ?

No.

ditemi le vostre idee e come secondo voi andasse la storia se fosse dei serpeverdi

Uellà!, abbiamo trovato il quarto elemento della squadra d’equilibristi.

E abbiamo anche la mascotte!

Annunci

Tag:,

About Gaia Conventi

Scrivo, ma posso smettere quando voglio.

30 responses to “Tramisti tra mari e monti.”

  1. LFK says :

    Mi stupisce l’eterogeneità dell’ignoranza in fase di creazione: da quello che non sa cosa scrivere ma sa di cosa, a quella che non sa come è morta Anna Frank, la dodicenne che si dilunga ma non sa che scrivere nel compito in classe… c’è da avere una doppia personalità: una che prova tenerezza e l’altra che si fa crescere i baffetti alla Adolf.

    Ma una cosa la vorrei chiedere a te. Secondo te in quale contesto intestinale nasce l’espressione “ne ho già adottato della confidenza”?

    Grazie per la pazienza.

    Mi piace

  2. Paul says :

    Ponson du Terrail scriveva più libri contemporaneamente. E infatti Rocambole ogni tanto ha gli occhi neri e ogni tanto azzurri, resta sfigurato col vetriolo ma poi torna bellissimo, muore e poi risorge almeno un paio di volte.

    Mi piace

  3. impossiball says :

    Voglio segnalare per l’ultima volta che voi nordici AVETE ROTTO GLI ZEBEDEI: l’espressione “sticazzi” significa “chissenefrega” e non “perbacco”. Ebbasta!

    Mi piace

  4. Liam says :

    Ima ho paura di trascurare la mia prima idea. I libri sono delicatissimi,vanno curati uno alla volta,oppure crollano tutti assieme.

    So Piezz E Core

    Mi piace

  5. minty says :

    Molto tempo fa, per far contento un conoscente, ho ordinato una simile pubblicazione. Non ho voluto ripetere l’esperimento.

    Eh, si entra in una giungla sconosciuta, in effetti. Tempo fa una mia amica pubblicò (lei gratuitamente) per un editore dalla condotta un po’ ambivalente in materia di EAP. A me il libro non interessava, ma sapevo che a un’altra amica (non comune) poteva piacere, e ho provato a ordinarlo alla mia libreria di catena preferita (in quanto, ai tempi, unica in città :P). Risposta: era un editore con cui loro non trattavano, se proprio volevo potevano ordinarmi il volume, ma con un sovrapprezzo di 5 euro (su un prezzo base non esattamente economico). Per iscritto fatico a rendere esattamente l’espressione del libraio mentre me lo diceva, ma era più o meno quella di uno che avesse appena pestato una merla… 😛

    I libri sono delicatissimi,vanno curati uno alla volta,oppure crollano tutti assieme.

    I libri in realtà sono sufflè. Attenti alle correnti d’aria!!!

    Comunque questo:
    quindi ne ho già adottato della confidenza
    seguito da questo:
    l’opera che nessuno si azzarderà mai a creare. So di avere le armi necessarie per narrarla

    E’ una perfetta sintesi del perché la nostra società sia destinata all’estinzione. A breve.

    Entrate per favore 10 punti facili facili :)?

    Una domanda da non iscritta a YA che, da sempre, mi perseguita: ma a che ca**o servono i punti su YA? Sono monetizzabili in qualche modo? Se ne hai abbastanza ti regalano la batteria di pentole, per caso?
    Perché, diversamente, non capisco l’incrollabile fiducia nutrita da legioni di studenti-non-studianti sul fatto che ci sia la fila di gente pronta a fare i compiti per loro gratis e solo in cambio di qualche punto virtuale… ?__?

    D: Avete mai pensato che cosa succederebbe se harry potter fosse stato messo nei serpeverdi ?
    R: No.

    Perché tu, Gaia, sei una bella persona. Ma, diversamente da te, prima della nostra tramista, negli ultimi 15 anni ci hanno già pensato decinaia e decinaia di fanwriter sparsi per il web. Davvero un’idea originalerrima la sua…
    A proposito, pensavo di proporre un nuovo format alle tv italiane: si tratterebbe di selezionare 10-15 persone qualsiasi e chiuderle in una casa senza possibilità di contatti con l’esterno, filmando 24h su 24 la loro convivenza e tutto ciò che ne nascesse. Non vi pare un’idea straordinariamente innovativa?!?!!!!111!!!!

    Per la domanda su Anna Frank, ho una sola risposta: AIIIIIUUUUUUUUTOOOOOOOOOOO!!!!

    Mi piace

    • Gaia Conventi says :

      Una domanda da non iscritta a YA che, da sempre, mi perseguita: ma a che ca**o servono i punti su YA? Sono monetizzabili in qualche modo? Se ne hai abbastanza ti regalano la batteria di pentole, per caso?

      Non servono a niente ma farlo capire ai tramisti è impossibile. Mettiamola così, i punti accumulati – rispondendo a ‘ste chiaviche di domande – vengono buoni per poter postare altre domande chiaviche.
      Insomma, gli unici a trarne un reale beneficio siamo noi cattivoni che leggiamo e ridiamo. Ma, appunto, farlo capire ai tramisti è una missione impossibile.

      Mi piace

  6. sarapintonello says :

    però il qual è senza apostrofo merita una menzione (o una minzione…a seconda del momento)

    Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: