NO ai COMMENTI ANONIMI

Per ovviare al problema dei commenti anonimi, da questo momento gli indirizzi email fasulli non verranno presi in considerazione.
Questo eviterà a noi di perdere tempo e consentirà ai commentatori anonimi di passare il proprio in attività più intelligenti.

MODULO CONTATTI

Non esiste più, adesso ci trovate via Facebook.

Annunci

Tag:, ,

About Gaia Conventi

Scrivo, ma posso smettere quando voglio.

37 responses to “NO ai COMMENTI ANONIMI”

  1. Mario Borghi says :

    Non dirmi che hai sfrattato così la famiglia di Ines, Arisga, Ortensio e via dicendo?
    E’ anche vero che non ci pagano per dar loro spazio.

    Mi piace

  2. danven76 says :

    Vabbe che di fancazzisti è pieno il mondo ma che rompano le balle sempre a te anche no. Condivido: anonimi tolleriamo solo l’anonimo veneziano che poi è morto…ecco!

    Mi piace

  3. tibi says :

    Ottima decisione. Chi si nasconde dietro uno schermo per insultare, è solo un vigliacco e non merita di ricevere attenzione. E già che ci sono, corro a mettere il like su Facebook che proprio me lo sono scordata!

    Mi piace

  4. sandraellery says :

    SACROSANTO!!!!!
    Siccome sono fusissima, avevo dapprima capito che chiudevi il blog e saresti stata solo su FB. E porcapaletta io su FB non ci sono, non mi ci metto e come come come avrei mai potuto fare? Non lo so, ma non è importante visto che ci sei. Baciotti

    Mi piace

    • Gaia Conventi says :

      Ci sono e ci siamo! Vediamo di togliere ai nuovi arrivati la brutta abitudine di commentare senza mettersi la faccia.
      Per i nostri utentAmici niente cambierà. E chi vorrà aggiungersi alla compagnia – ne siamo sempre lieti – farà come fanno le persone normali: userà un profilo VERO con email esistente, niente di più.

      Mi piace

  5. Rosalba says :

    Era ora! 😀

    Mi piace

  6. mosco says :

    a me facebook sta sui. Quelli. Montagnadizucchero non mi avrà. detto questo (che ti interesserà il giusto ovvero niente :D) cosa diavolo è che qui non c’è più ma c’è lì?

    firmato Mosco Scoazze dopo una 7/10 di Merlot 😛

    Mi piace

    • Gaia Conventi says :

      Ovviamente Giramenti non si sposta da qui. Il blog resta quello di sempre.
      Abbiamo solo fatto sparire il modulo contatti – per scrivere alla redazione bisognerà accedere alla pagina Facebook del blog, così evitiamo d’essere contattati più volte al giorno da strambi personaggi che ci accusano di ogni malignità possibile e immaginabile – e per commentare sul blog bisognerà avere un’email reale. I vari pincopallino@menonaincarriola.brrr finiranno nel cestino e ciao. Tutto qui.

      Mi piace

  7. Gaia Conventi says :

    Ne approfitto per dirvi che stiamo organizzando il prossimo pranzo di Giramenti: sabato 3 maggio a Firenze.
    Presto inserirò il menù in apposito post mangereccio. 😀

    Mi piace

  8. Laperfezionestanca says :

    Quello che stupisce me è il pensiero che questi “signori” devono essere pieni di livore verso il mondo. Ma si facessero una risata, si facessero! E inoltre non hanno davvero una mazza da fare se non andare in giro torno torno a spargere veleno!

    Mi piace

  9. Laperfezionestanca says :

    Ahhhhh! Mi sono letta il bando e non ci posso credere, mi sto ancora torcendo. Ma dove dove dove li raccattano gli estensori di consimili e cotali porcherie? Ma avete letto dove dice I RISULTATI DI OGNI CONCORSO, SARANNO SEMPRE RELEGATI AI SOLI VINCITORI E VISIBILI SU ecc. ecc.? Oddio, oddio, oddio.

    Mi piace

  10. Carlotta says :

    Io posso rimanere Carlotta, quella della donnina di Pisa? Sono affezionata a questo nick e poi tu sai quale è il mio indirizzo mail vero.

    Mi piace

  11. LFK says :

    Saggia decisione. La stessa che, quasi contemporaneamente, ho preso anche io. Prima di pubblicare il commento di un utente nuovo, verifico che la mail sia corretta. In fondo hai ragione: chi arriva sul blog sa chi sei tu, perché io dovrei parlare con uno in maschera?
    Ah, a parte quelli che arrivano sul blog di Mario. In quel blog ci dev’essere un’epidemia: chiunque arrivi si lamenta che lui non si firma mai. Ed è contagiosa perché una volta Mario citò me e anche io diventai, come per magia, anonimo.
    Sono giunto alla conclusione che Mario sia un untore di smemorina.

    Mi piace

  12. LFK says :

    Porca zavorra, mi è scomparso il commento. Dicevo che comunque hai fatto bene, perché chi arriva sul blog sa benissimo chi è il proprietario, è giusto che anche lui (o lei) si faccia in qualche modo rintracciare.

    Mi piace

    • Gaia Conventi says :

      Recuperato il commento. Oggi WordPress ha delle pippe.

      Non essendo in un regime totalitario dove, esponendosi, si rischia la pena capitale, non capisco la coda di paglia di chi accusa e diffama senza metterci la faccia.
      Qui sono volati epiteti di ogni genere, succede quando la discussione si scalda. Se ognuno di noi ci mette il nome, a fine partita si può decidere d’uscire a farsi una birra. Un po’ come accade nel rugby.
      Ma quando gli attacchi sono portati da personaggi privi d’identità, non può che finire in una caciara priva di senso. E se la caciara continua e i commentatori non la piantano, si ripresentano e si ripropongono come i peperoni, allora inizia a farsi stalking. No, grazie, ho già dato!

      Se parlare d’editoria a pagamento e concorsi poco chiari – o con qualche pecca grammaticale – porta a farsi tanti nemici, sarà il caso di dire bene di tutti, leccare culi scriventi e criticare solo al buio del confessionale. 😀 Eh, come no, proprio ‘na roba à la Giramenti!

      Mi piace

      • LFK says :

        Siamo una società in cui l’anonimato è diventato l’unico modo per dire le cose che pensiamo. Strana evoluzione.

        Mi piace

        • Gaia Conventi says :

          Se le critiche sono costruttive, l’anonimato le svilisce.

          Mi piace

          • LFK says :

            Ma la critica costruttiva non ha bisogno di anonimato. Chi la fa dovrebbe essere comunque consapevole di dover affrontare un dialogo, quindi perché non metterci la faccia?

            Mi piace

            • Gaia Conventi says :

              Diciamo che, a quanto mi è dato di vedere, l’anonimo preferisce lo sfottò – più o meno riuscito – e la banale accusa. Un po’ come sparare nel mucchio, sperando di fare almeno qualche ferito.
              Non vorrei azzardare una visione troppo apocalittica, ma si potrebbe pensare che l’anonimo tenda vigliaccamente a voler vedere negli altri le proprie pecche. Se anche gli altri lo fanno, allora i suoi torti si ridimensionano in un baleno. Potrebbe essere, o magari no. Io faccio la blogger, curare i matti non rientra nelle mie mansioni. 😉

              Mi piace

  13. GabriG says :

    Prova, prova… GG chiama Giramenti, Giramenti mi senti?

    Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: