Andar per concorsi (con tutte le migliori intenzioni).

Si comincia poetando e bastano venti euro per partecipare a questo concorso.
Soldi ben spesi!, tutti i partecipanti riceveranno «in regalo un omaggio unico eseguito da un artista del luogo oltre un piccolo aperitivo per star tutti insieme dopo la manifestazione a festeggiar i sentimenti espressi». Bene, perfetto… e che si vince? Eh, bella domanda!

Anche qui – spendendo cinque euro in meno – i premi rientrano nella categoria “E quindi?”.
Ricordatevi che «dovranno essere ritirati durante la cerimonia» e «L’Associazione non effettuerà la spedizione dei premi, fatta eccezione per gli Autori che risiedano in località che comportino spese di trasferta troppo elevate e che ne facciano espressa richiesta (previo pagamento delle spese vive di spedizione)». Una faccenda complicata, la Giuria dovrà valutare i vostri lavori e pure le vostre spese di viaggio. A suo insindacabile giudizio, immagino.
Da non sottovalutare l’antologia condominiale «delle opere premiate e di tutte quelle ritenute meritevoli» e la «Segnalazione alla stampa, alle emittenti radiotelevisive e alle riviste letterarie delle opere degli Autori premiati». E tenete presente che tali «iniziative di valorizzazione proposte sono a titolo gratuito per gli Autori», pur avendo pagato quindici euro per partecipare.

Ecco il bando “gratis ma anche no”.

Il sito concorsifero lo dice gratuito, in realtà «La partecipazione comporta un contributo di 10 euro per ogni elaborato presentato».
In palio la pubblicazione con un editore che, a quanto vedo qui, legge i vostri lavori senza chiedervi una lira, però «per ogni opera letta e valutata, idonea alla pubblicazione, [la tal casa editrice] realizzerà un preventivo personalizzato secondo le necessità di correzione evidenziatesi sul testo». Insomma, l’editing si paga. Ho capito bene?

Abbiamo detto più volte che Poste Italiane non consente l’invio di soldi in busta. Eppure qualche concorsaro nero sembra non esserne al corrente; in questo caso, inoltre, il concorso gode del patrocinio di Comune e Provincia. Quindi, a quanto ci è dato sapere, il tal Comune, la tal Provincia e gli organizzatori in questione non si sono posti il problema.

Ma noi lo sappiamo che i contanti vanno spediti solo con Posta Assicurata, dico bene? Scusatemi se su questa faccenda ci pesto e ripesto, ma l’invio con posta prioritaria non è tracciabile e potrebbe succedere di tutto.

Anche in questo caso non si esclude l’invio di contanti, ma ci tengo a segnalarvi il concorso soprattutto per l’italiano creativo: «I concorrenti premiati, sono tenuti a partecipare alla cerimonia di premiazione», «E’ previsto per richiesta la spedizione a loro spese del premio conseguito» – qui è morto un editor –, «Soltanto gli Autori premiati, riceveranno l’invito alla cerimonia di premiazione», lasciamo stare quel premiati e premiazione, facciamo finta che i sinonimi possano farci male. «Non sono previsti,spedizioni di diplomi di partecipazione,o simili. L’Organizzazione si riserva di stampare un Antologia che raccoglierà le Poesie ritenute più meritevoli, senza che gli Autori; non abbiano nulla a pretendere». L’editor è morto due volte.

Qui, invece, ci si sono messi in tanti. Ma la partecipazione è comunque a pagamento. E fanno altri quindici euro.

Andate e partecipate, ma occhio ai bandi: leggeteli sempre con attenzione.

Annunci

Tag:

About Gaia Conventi

Scrivo, ma posso smettere quando voglio.

14 responses to “Andar per concorsi (con tutte le migliori intenzioni).”

  1. LFK says :

    Faccio notare che spesso i bandi a pagamento vengono indicati come gratuiti nella scheda concorso. Leggendo il regolamento poi si capisce l’inghippo. Credo che la segnalazione sia fatta dal proponente altrimenti non si spiegherebbe questa discrepanza, e soprattutto concorsiletterari non verifica prima di pubblicare il bando.

    Ti ricordo inoltre che il 21 si avvicina, mi devo ricordare di farti gli auguri ma a parte questo (e l’inizio della primavera) c’era qualcos’altro che avrei dovuto ricordare ma che mi sono scordato. Se te lo ricordi, potresti ricordarmelo? Era legato ai concorsi, ma se fai la finta pigra dovrò spulciare tra i post concorsiferi per ritrovare l’appunto. 🙂

    Mi piace

  2. Alessandro Madeddu says :

    L’iscrizione è gratuita, la premiazione è a pagamento!

    Mi piace

  3. laperfezionestanca says :

    Trovo assai interessante un passaggio di uno dei bandi:
    “L’autore deve allegare sulla prima pagina le proprie generalità (Nome, Cognome, Indirizzo,
    Recapito Telefonico ed eventuale indirizzo e-mail per le comunicazioni) e copia del versamento”
    Di fatto impossibile, se è allegato non può essere in prima pagina e se è in prima pagina non può essere allegato. Tipo comma 22. Geniale!

    Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: