Tramisti a tribordo. E uno!

 

Triboliamo a tribordo! Ok, ecco allora tre puntate d’intenso tramismo. Salite a bordo e non scordate il Travelgum.

La tramista Emmeline è «a corto di fantasia..ma [ha] voglia di scrivere». Ne siamo lietissimi, visto che scrivere «è la cosa che [le] riesce meglio in sto periodo». Come scovare una buona trama?
In suo soccorso arriva Tarta, l’utente rispondente: «penso che la trama essendo tutta nostra non sarebbe mai tua e mai tua la sentiresti, pensa affondo» – meglio se con una pietra al collo – e «cerca l’ispiarazione nelle piccole cose». Ehhh… l’ispiarazione, ne ha rovinati più lei che il petrolio [cit. Vasco Rossi, ma alla razzo di rane].

Potreste consigliarmi dei nomi da fata degli animali?

Ecco, questa ancora ci mancava.

Pussa via! Levate ‘sta minkiaglitter da qui, noi siamo gente seria.

Ciao a tutti spero che voi mi diate dei nomi adatti da fata degli animali.

Smettila di dire «fata degli animali», che poi veniamo bersagliati dalle minkiaglitter!

Ecco, che ti dicevo? E quindi smetti di dire quella roba lì.
Ok, ora che abbiamo ristabilito la calma, che possiamo fare per te?

Date spazio alla fantasia vanno bene anche dei nomi strambi basta che siano da fata.

E veniamo salvati dalla genialità del genio. Come la chiamiamo ‘sta fata degli ani[abbassando la voce per non farsi udire dalle minkiaglitter]mali?

Grazie mille e ciao e non dimenticate anche l’altra domanda dove chiedevo nomi da fata del fuoco.

Per questa non ho dubbi: va chiamata Datti. Datti Fuoco, nome e cognome.

E ci è pure andata bene, con quella fata degli ani[quasi silente]mali poteva succedere di tutto. Cicciolina docet.

Dice la tramista, fingendo di saper leggere.

La vita è semplicissima, a scrocco è pure meglio.

Taglia e colore ininfluenti.

Vorrei tanto realizzare questo sogno…libro…consigli?

Lo vuoi leggere o lo vuoi scrivere? E nel frattempo eccoci a togliere il consiglio dal cappello…

Mmm… temo ci siano interferenze con le minkiaglitter, stiamo tentando di risolvere. Valutiamo l’ipotesi di sparare – in amicizia – ai server di Blingee.

Ma torniamo alla nostra sognatrice…

Ciao a tutti
Uno dei miei sogni è quello di scrivere un libro,amo scrivere,raccontare,so essere anche molto profonda e ‘poetica’

E per gli spazi dopo la punteggiatura ti stai attrezzando.

Sì, per carità, sennò poi ci cresce traumatizzata.

Vorrei scriverlo sull’adolescenza/attualitá

La nostra tramista ha appena concluso la terza media, quindi la sua attualità scansa di poco le avventure di Peppa Pig. È già qualcosa.

Non mi importa nulla del ‘successo’ davvero! A me importa soltanto che riesco a iniziarlo e finirlo

Ok, finimola… ecco, no, non dovevo dirlo.

Lasciate stare la sindone, non dite niente, fate finta di non averla vista.
[Mi sto ribaltando come una cimice, smetterò di ridere ma sarà troppo tardi…].

Dicevamo?

Mi potete dare qualche consiglio? Grazie mille in anticipo

Riuscirà la nostra giovane tramista a scrivere un libro «sull’adolescenza/attualitá»? Lei ce lo chiede, noi ce lo chiediamo, scuotendo la testa con un sorrisetto mesto.
Queste sono le sue domande su Yahoo Answers. La sua adolescenza sta galoppando alla grande e la sua “prima volta” è già di dominio pubblico.

Eh, straziante… erano quasi meglio le minkiaglitter.

Scrivere un libro su una materia di scuola che mi piace..? entrate!!?

Idea grandiosa, visto che l’asinaggine è più contagiosa del morbillo.

Se scrivo esempio un libro sulla meccanica e altro delle automobili.. poi viene pubblicato??
Chi devo sentire per pubblicarlo??

Prova con Babbo Natale.

Senza li a scrivere romanzi o storie che nn sono capace.. hahahha

E qui mi si scalda l’utente rispondente…

Qualcuno vi ha spiegato che scrivere non è un obbligo ma è un lavoro serio che va lasciato fare a chi ha talento? Adesso tutti a scrivere come se fosse una moda, è vergognoso. Occorre professionalità, prima di tutto, e i libri a cui ti riferisci sono scritti da studiosi di un certo livello non da ragazzini che vorrebbero pubblicare perché son convinti che così potrebbero diventare famosi. Un po’ di umiltà e di serietà in più non guasterebbe.

Amico mio, è una guerra persa.

Hai provato a cambiargli il mangime?

L’immagine è cliccabile e la faccia tosta di certi tramisti è ai confini della realtà.

Fai finta di niente, prima o poi smette. Anche di scrivere.

Attenzione all’utente rispondente…

Scrivi quattro frasi cretinotte e vuoi che degli editori ti pubblichino? Non pubblicano nemmeno chi scrive romanzoni corposi e significativi, non vedo perché dovrebbero pubblicare le tue frasi da saggio presuntuosetto.

Sior Volo, dorma tranquillo!

Scrivere un libro e disagnare la copertina!?

Quel «disagnare» mi ha ricordato una cosina che da tempo voglio portare alla vostra attenzione.

Ahhh… sia benedetta la recenzione dei libri, anche la descrizione della pagina Facebook non è affatto male.
Ma torniamo alla nostra tramista. Lei è Francesca.

Salve a tutti, sto scrivendo un libro, che sarà pronto, se dio vuole

tra qualche mese..

Se Dio trova tempo per l’editing.

Lo pubblicheró tramite un sito collegato con la feltrinelli!!

E tanti, tanti punti esclamativi per ilmiolibro.it, sito di self publishing dove pubblicare non è facile. La selezione è durissima!

Ora ho chiesto ad un’altra persona di disegnare la copertina..

I due punti di sospensione – due alla volta, mi raccomando! – mi dicono che hai superato brillantemente la selezione.

Ecco, brava.

Quale percentuale va a chi fa questa parte del lavoro?!

Non essere tirchia, stai per pubblicare e per arricchirti.

Inoltre se ci sono altre cose da sapere, sono ben accetti tutti i consigli!!! Grazie

Le cose da sapere sono sempre tante, ma quel «sito collegato con la feltrinelli» – con punti esclamativi di giubilo – ci toglie ogni speranza. Sei una tramista convintamente tramista. Neanche un miracolo…

Lasciamo stare, che poi mi entrano in competizione.

Annunci

Tag:,

About Gaia Conventi

Scrivo, ma posso smettere quando voglio.

32 responses to “Tramisti a tribordo. E uno!”

  1. chiaralorenzetti says :

    Io li leggerò tutti, speriamo avvertano quando saranno pubblicati. Ne farò una –recenzione- e li metterò nella mia -bibblioteca-
    Belli i tuoi posts, divertenti. Peccato che sia tutto vero 🙂
    ciao

    Mi piace

  2. Nabiki says :

    attribuirei la colpa di questi scempi alle varie fanfiction scritte dai bimbiminkia con la speranza di incontrare i loro idoli.
    Piacere di leggerti…post splendido.

    Mi piace

    • Gaia Conventi says :

      Ehilà, ciao!
      Qui tutti i meriti vanno ai tramisti. Io ho solo la pazienza di metterli insieme. 😉

      Mi piace

    • Daniele says :

      La colpa non credo che sia delle fanficshock, dei semplici tributi a opere che hanno in qualche modo coinvolto i loro lettori.
      Il vero problema è la mancanza di prospettive di alcuni, che al grido di “ho letto tutti i libri di (che ne so) Geronimo Stilton” pensano di aver già imparato tutto sulla scrittura. E magari pensano che imbrattare 400 cartelle una volta nella vita sia un esercizio sufficiente.
      Ora: meno male che c’è gente così, vedere certi orrori logici fatti da altri mi spinge a non commetterli io stesso! E in più rido, dunque imparo divertendomi XD

      Mi piace

      • Gaia Conventi says :

        Comincio a intravvedere una certa utilità in questa chiavica di blog. 😀

        Mi piace

      • minty77 says :

        La colpa non credo che sia delle fanficshock, dei semplici tributi a opere che hanno in qualche modo coinvolto i loro lettori.

        Il fatto è che _una volta_ le fanfic erano solo quello che dici tu. Poi le piattaforme che le ospitano si sono trasformate in congreghe di wannabe-nuova-scoperta-editoriale (forti d’esempi tipo Lara Manni – che Dende ce ne scampi e liberi! -, la tipa di 50 sfumature, la De Winter, ecc.) e serbatoi impazziti di tramisti, e tanti saluti alle vere fanfiction.
        C’è la coda di quelli che, solo perché han scritto una fanfic e ricevuto qualche rece positiva dagli amiketti, si convincono di poter/dover scrivere per l’editoria ufficiale, e diventare per direttissima ricchi e famosi. Bah!
        E povere le (vere) fanfiction, quelle che si scrivevano solo per ca22eggio e per divertire gli amici e i colleghi fan… :-[

        Mi piace

  3. mozart2006 says :

    Piccoli Gennarini Coccolini crescono… tra qualche anno ti chiederanno l’ amicizia su Facebook. Mi sa che tu li strapazzi proprio a scopo preventivo 😀

    Mi piace

    • Gaia Conventi says :

      Qualcosa di simile è già successo: su Facebook è nata la pagina di Gennarino Coccolino Scrittore. E non è opera mia.
      Dunque la realtà imita l’arte… dovrò mettere il copyright sulle cretinate che dico nel blog? 😉

      Mi piace

  4. sandra says :

    Chi devo sentire per pubblicare? Prova a telefonare in Mondadori, poi torna a dirci com’è andata.

    Mi piace

  5. minty77 says :

    *SBONK*SBONK*SBONK*

    Ho finito gli spigoli, sto craniando il muro… Sigh!

    Mi piace

  6. mosco says :

    una scatola intera di travelgum!

    Mi piace

  7. larmegliamori says :

    L’ha ribloggato su L'arme, gli amori.

    Mi piace

  8. achiara84 says :

    Dimenticavo che quando si legge di tramisti è meglio non bere e non mangiare nulla. Soprattutto quando si aggirano le minkiaglitter.

    Mi piace

  9. diait says :

    Shalapipot: sintetico e efficace.

    Mi piace

  10. ilcomizietto says :

    I blog coi minkiaglitter.. ci sono. Anche blog coi minkiaticker (testo che ruota o scorre) ci sono. Ora so come chiamarli. Grazie!

    “Lei selfa spesso?”: fai domande imbarazzanti Gaia. Spero fosse rivolta solo al tramista e non ai lettori. 😀

    Mi piace

Trackbacks / Pingbacks

  1. Tramisti a tribordo. E due! | giramenti - 24 luglio 2014
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: