Tripudio di tramisti trottanti (prima parte).

Venerdì, giorno di tramisti. Inutile far finta di niente, è il calendario a imporci ‘sta sofferenza: prima il dovere, poi il weekend.

Consiglio su editore serio per una pubblicazione di una raccolta di poesie?

Lo sai che le poesie non vanno via come il pane, vero?

Mia mamma scrive poesie ed è un’aspirante scrittrice di poesie e racconti della vita.

Su Giramenti i «racconti della vita» li chiamiamo pensierini.

Ha 56 anni, volevo sapere a quale editore affidarsi senza spendere cifre enormi

Dunque pagando, certo. Ma poco.

e senza affidarsi a un self-publishing come Youcanprint.it

Che invece potrebbe essere la soluzione, sempre che la siora poetessa non intenda diventare famosa per essere poi invitata in trasmissione dalla D’Urso.

..ci siamo affidati a Innede Edition,

Che noi conosciamo grazie al post dell’amico Mario, un Mario a caso. C’è anche la seconda puntata.

un associazione di autori che si è impegnato di impaginare e correggere la bozza, inserire copyright e diritti di autore, creare la copertina e pubblicare la versione e-book su amazon.it e gli amazon internazionali, sul suo sito poco conosciuto (55 like su FB) al prezzo di 42,50€, n. 50 poesie..e per la versione cartacea voleva altri 42.50 per un altro ebook e dopo l’attesa di 1 anno.. per farsi conoscere sul web..creare quella cartacea 100 poesie per 90€, la pubblicazione solo sul sito di amazon e internazionali e la promozione in fiere e mercatini. Come royalties il 10% del prezzo di copertina (4,60€..quindi 0,49€) e l’importo prelevabile sono 3 mesi e un importo minimo di 30€ ..ora non sò voi.. ma quanti sono capaci ad acquistare via web?

Parecchia gente compra online, ma forse non compra libri di poesia. E mica solo sul web.

Un libro di un aspirante autrice non viene subito trovato,

va ricercato sul motore di ricerca e per farlo va pubblicizzato..come si fa a pubblicizzarlo in tutta Italia e nel mondo?

Addirittura nel mondo! Cavolo… ma la siora poetessa intende proprio diventare ospite fissa in tv!

Siora mia, non ne sono sicura… però è probabile.

Difficile..

Far piangere? No, ma figurati, i tramisti sono sempre un pianto.

alternative ad Innede Edition, soprattutto perchè sul web non è reputato positivamente.

Sarà mica colpa dello scambio di convenevoli sul blog dell’amico Mario?

Ma vediamo cosa ci racconta l’utente rispondente.

Purtroppo, e ti parlo per esperienza personale, per poter pubblicare i miei libri con una casa editrice seria inizialmente ho dovuto pagare.

E per fortuna è una «casa editrice seria»!

Dopo i primi tre,

Pubblicati pagando.

che sono andati decisamente bene,

L’editore è contentissimo, ama incassare in anticipo.

sono loro ora a pagare me ma all’inizio è così…ormai gli aspiranti autori sono tanti e distinguere chi ha possibilità di sfondare da chi non ce l’ha non è sempre facile.

Risulta più semplice stabilire chi può pagare e chi no.

L’importante è, soprattutto all’inizio, affidarsi a mani esperte e soprattutto serie.

Pagando, ovviamente.

La tramista Jasmine è disperata, difatti continua a chiedere un maggico aiuto e lo vuole gratis (qui e qui). In suo soccorso arriva Quadrupede, l’utente rispondente.

La tua perspicacia mi sconcerta.

Pubblicare libro di saggistica a 8 anni??,

Quindi anche tu scrivi pensierini.

anche se iill testo scorre e dunzionafunziona?

E si nota come «scorre e dunzionafunziona», si nota un mucchio!

Ciao a tutti, volevo porre una domanda. Ho 18 anni e sto concludendo un libro di saggistica

Ah, ecco. Prima barava sull’età.

intitolato Nuovo Ordine Mondiale:

Certo che il mondo è proprio piccolo! Conosciamo il massimo esperto in materia, il sior Alo Madeddu. Sarete mica colleghi?

secondo voi quanta possibilità ho di vedere scritto il mio nome in un libro si politica a soli 18 anni, quindi senza avere nessuna attendibilità?

Da come hai scritto ‘sto quesito, l’attendibilità è il minore dei tuoi problemi. Che poi, diciamocelo, un tizio che parla di Nuovo Ordine Mondiale con questo nickname

Case editrici? copertina per il libro?!?

Aspetta, andiamo per gradi: tu saresti?

salve sono una bambina di 11 anni e sto scrivendo un libro fantasy la trama è questa:

Ohhh… bene! Comincio a pensare di voler incorniciare questo post di Obbrobbrio.
Dunque, dicevamo, la piccola utentessa sole, questo il suo nick, sta scrivendo un libro. Un fantasy. L’ennesimo libro, l’ennesimo fantasy dell’ennesima bambina prodigio.

Vediamo allora la trama di sole.

una bambina (io)

L’immancabile tocco autobiografico.

va a letto e comincia a sognare, ad un certo punto un luce viene verso di lei e viene scelta da una ninfa per salvare il suo popolo, gli abitanti della valle del sole,

Dalle parti di Pizzoferrato ringraziano per il gentile pensiero.

le viene consegnata una lacrima di drago, l’unico ingrediente che la ninfa riesce a rimediare

Io due battute grasse le farei anche, ma l’utentessa è piccina e spiace prenderla per i fondelli.

Signorsì siora mamma!

la bambina deve affrontare mille pericoli per riuscire a prendere gli atri ingredienti dell’antidoto, viene aiutata da un amuleto con un rubino rosso incastonato che si illumina mostrando la via da percorrere,

Non dire così che poi danno la colpa a noi…

alla fine lei riesce a curare il popolo e la regina della valle del sole, per sdebitarsi con lei la nomina messaggera della fantasia, poi la bambina si sveglia scoprendo che era tutto un sogno. il titolo è ” FANTASY: NEL REGNO DELL’IMMAGINAZIONE”. A-I-U-T-O

Ecco, se permetti, lascia che siamo noi a urlare aiutooooo!, dacci almeno ‘sta soddisfazione.
Dunque, cara sole – attenta che tra sole e sòle è un attimo sbagliarsi –, noi siamo sempre contenti quando una bambina piccina picciò decide di passare il proprio tempo inventando storie. Ma tra inventare storie e fare storie il passo è brevissimo, fatti spiegare dalla mamma la differenza tra un bel tema da quinta elementare e la solita broda da voler pubblicare. Confidiamo che la tua genitrice saprà darti tutto l’aiuto necessario a levare le zampette dalla tastiera, soprattutto quando – sola e sòla soletta – bazzichi su Yahoo Answers.

La tramista Civetta è giovanissima – la sua collega di trame ha undici anni, Civetta arriva a dodici – e da otto è innamorata di un suo amichetto, una roba assai pucciosa che, comunque, non le ha impedito di scrivere ben due libri. Ma che brava bambina!

Ma, soprattutto, in che lingua?

E veniamo all’angolino dei bisogni.

sto scrivendo un racconto e avrei bisogno di una descrizione non troppo lunga ma nemmeno corta, di una stazione ferroviaria. Non ci sono mai stata e per questo non so da dove iniziare..grazie in anticipo

La tramista micaela, poverina, non ha mai visto una stazione ferroviaria e probabilmente non ha mai visto un paesino di mare.

E sembra non abbia mai visto nemmeno un paesino, uno a caso.


Ma questo è ancora niente!


Vi stupirà sapere che la tramista micaela non ha mai visto nemmeno una casa. O forse è pigra e i racconti preferisce farseli scrivere.

Vi presento il tramista Massimiliano, e questa è la sua pagella…

Dipendesse da me, rischieresti i domiciliari. E poi, dammi retta, quel cinque in italiano è proprio regalato.

Sistemare il racconto?

Scoprirete presto che questo non è un racconto, è una cacca da tastiera.

ciao a tutti ecco il mio racconto o bisogno di sistemarlo e datemi il vostro parere..

Gli diamo pure l’acca che potrebbe fargli comodo.

In un era sconosciuta nel mondo Somis è nata una forza “potere ” oscuro il dominatore di questo potere inizio ad attacare il mondo Somis finché non arrivo a scontrarsi Vestor il possessore del potere della vita questui mori nello scontro.

Il poverino, il nostro «questui», si è tirato un colpo dopo tre righe. Per disperazione.

Sì, certo, e nemmeno un numero.

Il dominatore del potere oscuro continuo a distruggere tutto il mondo senza pietà per nessuno.

La mancanza di pietà si nota, stiamo soffrendo in tanti.

La nipote Vestor, Annabelle pressa la ascia di suo nonno Vestor in quale cera ancora un briciolo di potere della luce e anche un po di quello delle tenebre per la causa dello scontro.

Nel frattempo ho scelto lo spigolo da battezzare, di testa.

Annabelle decise di andare ad uccidere Il dominatore del potere dell oscurità cosi comincio una lunga guerra.

In questa guerra crepano tutti, e anche noi non ci sentiamo tanto bene. Ma magari è colpa dello spigolo.
Eh, sì, magari!

grazie per chi la letta ora mi può aiutare a scriverla in una maniera narrativa e professionale ?

Stai su Giramenti e non a Lourdes.

E con questa abbiamo ammazzato un paio di editor.

Così chiede l’utente rispondente.
Difatti Vasyl – l’amico tramista – non è italiano, e allora voi mi direte che non sarebbe opportuno pigliarlo in giro. Sì, avete ragione, ma la tentazione è forte, troppo forte. E infatti…

ciao a tutti ho rinnovato il premesso di soggiorno ed adesso ho la ricevuta pero devo andare nel mio paese con la ricevuta, devo andare in ucraina li non posso andare con la ricevuta pero essendo cittadino ucraino ci posso andare pero a tornare in dietro non riesco allora voglio sapere se e possibile tornare in dietro aprendo un visto come se ci dovessi andare la prima volta ?

Eh, ma che cattiva! Però ho riso. Tanto.

Amo leggere, ma sopratutto scrivere, dal momento che non ho nessuno con cui sfogarmi e quindi lo faccio soltanto attraverso la scrittura. Vorrei iniziare a scrivere un libro, è tipo un diario personale, e ogni giorno il protagonista narra ciò che succede.
Naturalmente la storia ha un senso, con un inizio e una fine, abbastanza tragica.
Cosa ne pensate? Consigli?

E l’utente rispondente…

Ok, lo ammetto: anche stavolta ho riso.

Annunci

Tag:,

About Gaia Conventi

Scrivo, ma posso smettere quando voglio.

21 responses to “Tripudio di tramisti trottanti (prima parte).”

  1. Paul says :

    Il saggio sconclusionato sul Nuovo Ordine Mondiale potrebbe anche vendere bene, vedi Adam Kadmon…

    Mi piace

  2. 17lastella says :

    dai…la bimba di 11 anni però ha un futuro come sceneggiatrice per le Winx. Ummm dubbio…si dice “sceneggiatore” anche per i cartoni animati? mmmmmm…..

    Mi piace

    • Gaia Conventi says :

      Al momento è una bimbaminkia, la solita bimbaminkia.
      Siora mamma… levi la tastiera a quella piccina prima che sia troppo tardi. Giramenti è sempre in agguato! 😀

      Liked by 1 persona

      • Daniele says :

        La bambina è anni luce avanti al tramista medio: ha chiesto aiuto per scrivere una storia, ma non ha detto che vuole pubblicarla – e mi sa che una trama come quella farebbe furore, nei libri di Geronimo Stilton.
        Certo, deve migliorare con la punteggiatura, imparare a fare le sinossi, levare quel cesso di finale “è tutto un sogno” e poi le resterebbe “solo” da crescere e imparare a scrivere storie che sappiano meno di ribollita… è vero che dal punto di vista empirico la realtà mi suggerisce che è più probabile un peggioramento, mavoglio essere ottimista 😛
        A ognimodo, credo che la bimba abbia una pagella migliore di quella di Massimiliano: con quei voti, è grasso che cola essere rimandato!

        Mi piace

        • Gaia Conventi says :

          Noi amiamo le bimbeminkia scriventi, da sempre. Certo non le capiamo, ma è un nostro limite: siamo troppo vecchi – e troppo stronzi – per votarci alla letteratura per l’infanzia. Però – ehi, non siamo poi così cattivi! – siamo sempre pronti a dare buoni consigli. Uno su tutti: cara bimbaminkia, lascia perdere, l’editoria è morta quando tu eri in culla. Molla gli zombie e datti alle Barbie, c’è più soddisfazione! 😉

          Mi piace

  3. sarapintonello says :

    “la ascia”, le h e gli accenti mi hanno definitivamente uccisa 😀

    Ma per il quesito della Civetta
    https://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=20141020084756AATzVSA

    merita una menzione l’utente rispondente:

    volah ha risposto 1 mese fa
    12 – 8 = 4
    stessa balia?

    ahahah

    Mi piace

  4. mozart2006 says :

    Che dolci le tramiste undicenni. Come sempre in questi casi, mi fanno pensare che Erode era un benefattore del genere umano, ingiustamente maltrattato dalla storia 😀

    Mi piace

  5. Alessandro C. says :

    ahah

    sull’immagine del Prigioniero che afferma “non sono un questui” ho avuto un mancamento.

    PS: anch’io sto scrivendo un fantasy. Se non mi negherai il saluto per la Notte dei truzzi, lo farai tra un annetto 😀

    Mi piace

  6. ilcomizietto says :

    Vedi? Infieriscono. Se loro a 8/11 anni vogliono scrivere un libro, per Lacomizietta voglio, esigo e pretendo almeno il premio Nobel. I premi Nobel. Tutti e sei. Ora! 🙂

    Ma per scrivere come scrivono hanno un generatore casuale di lettere che formano parole casuali e poi scelgono a caso quelle che sono pronunciabili in italiano?

    Mi piace

    • sarapintonello says :

      Anche sul “pronunciabili” nutriamo qualche dubbio…
      Forse amano essere insultati e perculati 😀
      Si sa, le 50 sfumature hanno creato schiere di masochisti e dominatori! I masochisti dopo un po’ cominciano a scrivere “trame”.

      Mi piace

    • Daniele says :

      Mi ricorda un racconto di Dahl, “Lo scrittore automatico”, solo che lì la macchina sforna-libri funzionava 😛

      Mi piace

  7. sedcetta says :

    Ma soffermiamoci un momento su quello/quella di Innede. Devo essere sincera Gaja, non è che ci abbia capito granché (ogni tanto avrebbe potuto anche mettere un punto, respirare…). Ciò che mi è saltato all’occhio (quello buono, che l’altro ha avuto un tic nervoso), è la cifra di 42 euri per il libro da 50 poVesie. Che pure le EAP abbiano cominciato coi saldi?

    Mi piace

  8. minty77 says :

    Io devo ringraziare sentitamente il tramista con la mamma poetessa: non avendo potuto seguire Giramenti negli ultimi mesi del 2013, mi ero persa tutto l’affare Innede Edizioni e le perle del suo responsabile. Diciamo che, recuperando post e commenti sul blog di Mario Borghi, nonché navigando il sito dell’ “editore”, ho passato dei momenti estremamente ilari. Grazie, tramista misterioso! 😀

    Eviteremo di infierire sulla bambina di 11 anni e sul suo racconto. Per l’età che ha, fa pure tenerezza. Io comunque la battutaccia sulla fata imbelle l’avrei fatta 😛
    Un interrogativo però mi resta: qualcuno ha capito perché la bimba prodigio ha postato su YA? Ché nel titolo ha messo, in effetti, una domanda, ma poi se n’è dimenticata, lanciando solo un generico “Aiutooo!” finale, ma non si sa per cosa. Chiede forse supporto psichiatrico? ?_?

    Sull’utente che vorrebbe descrizioni in regalo, ho una teoria: imho è uno studente delle medie o del biennio delle superiori che a scuola sta affrontando quell’argomento in italiano, e vorrebbe scroccare i compiti su YA. Ma dato che ha visto come vengono di solito accolti i bimbiminkia che esigono tale prestazione gratuita da estranei sul web, ha deciso di mimetizzarsi tra i wannabe-tramisti, ché di utenti tonti, volonterosi e prodighi di consigli in quella sezione se ne trovano tanti. Dite che sbaglio?

    Purtroppo Massimiliano verrà promosso. O meglio, se va di c*lo, forse giusto rimandato in un paio di materie e poi graziato in ogni caso a settembre.
    E solo perché, dagli insegnamenti elencati, deduco faccia le superiori. Ché se fosse stato alle medie, la bocciatura sarebbe stata comunque impossibile. Non s’usa proprio più, lì.

    Il tramista del ‘questui’ è assolutamente indescrivibile. Dirò solo che leggerlo mi ha provocato istinti suicidi… O_O

    Mi piace

  9. ellagadda says :

    Ma non era Povia quello del nuovo ordine (o contrordine) mondiale? Ma non è che Povia è un tramista? Ma non è che i tramisti sono fan di Povia?

    Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: