Tramista e Isotta, il classico non stufa mai.

Tristano e Isotta è un dramma, ma anche i tramisti non scherzano. Eccoci allora a festeggiare degnamente il venerdì.

Lui è Daniele, un tizio che sta cercando una casa editrice onesta che pubblichi il suo libro, bello o brutto che sia.


Ecco, appunto: quindi tutte le case editrici free che non pubblicano il libro di Daniele sono disoneste e gnegnegnè. Anche perché lui è un tipo sveglio, lo si nota nell’unica occasione in cui si è esibito in qualità di utente rispondente.

E Daniele…

Daniele, se il tuo libro ti somiglia… chissà quali strepitose rivelazioni!

Perché Gertrude, la Monaca di Monza, è un paesaggio così importante nel romanzo?? Proprio non riesco a capirlo…?

Lui proprio non ci riesce, infatti…

secondo me non fa parte dei personaggi più importanti, quali Enzo, Lucia, Don Abbondio, Don Rodrigo e l’Innominato. Ma allora perché è così importante??? Inoltre mi date una vostra opinione su questo personaggio??

Ehm…

Ok, fa niente, abbiamo risolto.

C’è un minimo di pagine richiesto per pubblicare un ebook?

Richiesto da chi? C’è coda, tocca prendere il numero?

E le illustrazioni sono necessarie?

Basta che la copertina sia decente. Ce la vogliamo mettere la copertina o è troppo disturbo?

Salve, dato che sono intenzionato a stampare il mio primo ebook

Stampare un ebook. Mi ricordi quel tizio che stava cercando la versione cartacea di Wikipedia (in questo post).

vorrei chiedervi se c’è un limite di pagine richiesto

Controllando i suoi quesiti scopro che il tizio sta tentando di farsi un ebook in casa, per pubblicarlo non si sa dove. Dunque quel numero di pagine richiesto… ma richiesto da chi?, santa pazienza!

(ad esempio se con meno di 50 non lo accettano) e se le illustrazioni secondo voi sono elementi necessari o meno (nel mio caso sarebbe un ebook su varie riflessioni sulla vita e vari aspetti di essa quindi dando sicuramente più importanza allo scritto piuttosto che a eventuali immagini..). Ringrazio per le risposte 🙂

Un ebook di riflessioni sulla vita. Lo dovrebbero internare solo per averlo pensato. E guai a chi cerca il pdf a scrocco!

Certamente. Quelli bravi fanno proprio così.

Cottura a fuoco lento, mi raccomando. Il plot si addensa e D’Orrico lo scambia per un libro di spessore.


Eh, ma ti pare? La Sellerio mica sta in provincia di Catania. Certo potrebbe trasferirsi…

Credo che il sior Camilleri abbia appena stoppato la mia proposta di trasloco.

Diamo la colpa al T9?

Cerco correttore di bozze per il mio romanzo!!?
Ho scritto un romanzo e vorrei pubblicarlo, ovviamente mi serve qualcuno che mi aiuti a correggere il testo!!

Voglio scrivere un libro d amore, che titolo potrei usare? Anche se non sapete la trama,cercherò di scegliere il piu appropriato.?

Il titolo più adatto per un libro non ancora scritto.

Sì, ormai siete in maggioranza: avete vinto.

So che chiedo molto,ma se potreste scrivermi quanti piu’ titoli possibili,ve ne sarei grata,grazie mille!

E il libro lo vuoi scrivere in questa maniera?

Già, sono bravi da tutto.


Come faccio a cercare un titolo per il mio libro?

I titoli non si cercano, si inventano.

Il genere di libro che devo andar a creare è il genere erotico!

Ahhh… quindi il libro non c’è e il titolo nemmeno. Bene, perfetto, direi di lasciare le cose come stanno.

Vorrei farvi notare il nick di questa siurina. Il libro deve ancora scriverlo, però parte convinta.

Be’, dipende: pubblicando gratis o pagando?

Annunci

Tag:,

About Gaia Conventi

Scrivo, ma posso smettere quando voglio.

21 responses to “Tramista e Isotta, il classico non stufa mai.”

  1. chiaralorenzetti says :

    Ciao! Scusa il link al mio post, non amo farlo, ma voglio far sapere a tutti che è solo colpa tua se ora sono così!!!! 🙂
    Vedo tramisti ovunque! 🙂

    https://squarcidisilenzio.wordpress.com/2015/04/10/ragazzi-datemi-un-consiglio-per-scrivere-vai-a-fare-un-picnic/

    Mi piace

  2. Daniele says :

    Ci tengo a dire che il Daniele (primo tramista di oggi) che cerca una casa editrice non sono io: sono consapevole di dover migliorare molto, prima di poter rompere le scatole al prossimo con i miei “capolavori” 😛

    La locandina che hai prodotto è stupenda: lei ha una faccia un po’ schifata, ma con eleganza, senza ostentazione XD

    Mi piace

    • Gaia Conventi says :

      Ecco, in effetti volevo proprio chiedertelo: ma sarai mica tu quel Daniele lì? 😉
      La locandina è nata così, per incanto. Era praticamente già fatta, ci voleva giusto un piccolo intervento risolutivo.

      Mi piace

  3. Bibolotty says :

    L’ha ribloggato su bibolottymomentse ha commentato:
    credo che riderò per tutto il giorno. 😉 grazie Gaia.

    Mi piace

  4. minty77 says :

    I romanzi dispotici si chiamano così perché trattano quasi sempre di futuri in cui è in corso una malvagia tirannia, mi pare ovvio. Anche te, che ti meravigli… 😛

    Mi piace

  5. Fabio - Librinviaggio says :

    Comunque il “dispotico” non hai idea di quante volte l’abbia incrociato, anche in recensioni su siti e blog…letterari. Un genere tutto nuovo che vorrei approfondire un giorno o l’altro. MI aspetto grandi sorprese!

    Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: