Tornano i tramisti! Ma si stava bene anche senza…

Ebbene sì, ho trovato il tempo per dare una sbirciata al mondo dei tramisti. Non fateci l’abitudine, non so quando succederà di nuovo, ché per i tramisti oltre al tempo occorre lo stomaco. Diciamola quindi una puntata a sorpresa, un salto nel tramimondo per vedere se stanno tutti bene – purtroppo sì – e se continuano a tramortire gli utenti rispondenti con quesiti degni del Premio Ig Nobel.

Vi ricordo che la domande sono cliccabili, se ve la sentite.

Ho scritto un romanzo e voglio pubblicarmelo da sola, ma vorrei anche il codice ISBN. Posso inventarlo?

Non mi era mai capitato d’incocchiare un inventore di codici ISBN. Chissà se i numeri glieli porta la nonna scrittrice pubblicata postuma…

E io che già trovavo da suicidio il cambio di stagione in armadi e cassetti…
Comunque, davvero, l’asfissia nell’armadio è roba forte. Certo bisogna provare se funziona, occorre scovare almeno un volontario.

Ecco, meglio se il volontario non sa niente dell’esperimento. Fate un annuncio, cercate studenti fuori sede: quelli sono disperati e credono a tutto. Più o meno come i tramisti.

Tempo fa ho scritto un romanzo e ben 18 case editrici mi hanno inviato una proposta editoriale, 

purtroppo sono stata costretta a rifiutare tutte le offerte in quanto mi obbligavano a farmi carico delle spese editoriali.

Ehhh… EAP! E non è la sua unica sfiga, infatti le risponde il nostro aristo. Al peggio non c’è limite.
Vi ricordo che noi di Giramenti siamo grandi fan di aristo, si è meritato persino un tag. Dunque vediamo che dice il sommo aristo di questo problemino editoriale a pagamento…

E …. ti sorprendi perché ti hanno richiesto il pagamento anticipato delle spese editoriali ?!?

Già, e ci sorprendiamo un po’ tutti, a dire il vero. Ma tu no, tu mai, tu sei convinto che l’editoria a pagamento sia una cosa santa e benedetta.
E sapete perché, a detta del Nostro, la poveretta dovrebbe sganciare dindi allo stampatore di turno?

Senza offese …. ma non sei certo un’Autrice/un Autore già di gran fama …. quindi, se vorrai vedere pubblicato questo tuo Romanzo, dovrai pagare la realizzazione editoriale !!!!

Ecco, state lontani da un tizio così: vi sta raccontando delle baggianate epocali e lo fa convintamente, basta contare i punti esclamativi. Per non dire dei puntini puntini puntini puntini di sospensione. Vi prego, fermatevi a tre, quattro punti fanno pronto soccorso.
E …. quindi, a sentire l’aristo nostro, se non sei nisciuno, nisciuno ti pubblica gratis. Madonna mia come sono stanca di dover ribadire sempre le stesse cose, eppure mi tocca farlo perché in giro trovo ancora degli aristi che si sgolano per promuovere questa fuffa. Volete pagare la pubblicazione? Pagatela!, ma evitate di farvi vedere in giro a parlarne bene. Lo dico per voi, per la vostra reputazione. Non fate come aristo, oppure fate come lui ma fatelo in silenzio. Pagate e tacete, almeno ne farete una giusta.

Poi, non contento, aristo chiude la saga dei buoni consigli con l’ennesima perla…

Qualora il tuo testo risulti effettivamente di successo, allora potrai stipulare un futuro contratto a tuo vantaggio.

Certamente, i libri EAP fanno curriculum. Eh, come no! Il mondo è pieno di editori pronti a puntare su di voi, che invece avete puntato sul salvadanaio per approdare al dorato mondo editoriale. Credete a quello che vi pare, tanto a noi non cambia niente. Noi, semplicemente, qui non leggiamo e non recensiamo libri editi in quella maniera.

Esatto, a casa vostra, tra voi autori paganti. Vi leggete, vi scrivete e vi piacete e mipiacciate su Facebook. Ma fora di ball.
Ok, passiamo ad altro, non potrà mai essere peggio delle sciocchezze di aristo. O almeno lo spero.

Nuove prospettive di guadagno nel settore culturale.
Il tramista – sì, mica uno a caso, proprio un tramista di Yahoo Answers – vi scrive temi, saggi e via andare, e voi lo pagate in buoni di Ibs. E dico voi, voi tramisti di Yahoo Answers che siete in quel serraglio per chiedere pdf a scrocco. Ohhh come facciamo girare l’economia, già già…

salve ho scritto una trama di un libro e vorrei metterla sul mercato
ma non so come fare chi darmi una mano?

Le buone idee un tanto al chilo, pensate e scritte come questo quesito. Tanto basta il pensiero.

ciao a tutti, io vorrei iniziare a scrivere un libro però non so come si fa e come iniziare. qualcuno può mandarmi un link di una guida che mi spieghi come scriverlo?

Lui è Lloyd, un tale che «vorrei farmi un tatuaggio sul collo, però avrei il timore che dopo averlo fatto non riuscirei a trovarmi una ragazza per bene e un lavoro(visto che sarà visibile a tutti), perchè penseranno che sono un delinquente», un tizio che «io sono stato bocciato a settembre in matematica e vorrei iscrivermi a un corso serale, così alla mattina posso lavorare e potermi pagare il corso per concludere gli studi e ottenere il diploma». Insomma, un tipo come tanti e che come tanti vorrebbe scrivere un libro. Prima però deve capire come accidenti si fa.

guarda nella piattaforma wattpad il forum universale dove tutti si sentono scrittori..

potresti trovare delle idee.. altrimenti cerca su google “come scrivere un libro”..

Ecco, fai così, noi ci mettiamo comodi e attendiamo il bestseller.

Il solito guastafeste!

Tre anni fa ho scritto un libro di narrativa che parla della mia famiglia.

Tra fantasia è realtà è venuto fuori un qualcosa di meraviglioso che definisco come una mia creatura.

C’è anche tanta verità nel contenuto ed a volte quando lo vendo e come se mi rubassero una parte di me. Perchè succede ciò?

Meraviglioso anche il tuo idioma, credimi.
Per fortuna abbiamo il commentatore anonimo, e lui di libri meravigliosi ne sa a pacchi. Dunque, perché vendere ‘sto benedetto libro procura tanto mal di stomaco alla sua autrice?

Perché è parte di te. E vendendolo stai aprendo ad altri parti intime che avresti voluto tenere nascoste. E’ il dramma di tutti i veri scrittori. Guarda l’aspetto positivo: quando sarai morto il libro parlerà ancora per te.

Già, è il dramma di tutti i veri scrittori, soprattutto quando il primo che passa gli mette in testa questi complimenti complimentosi sparati col cannone da bucintoro. E senza prima aver letto che accidenti scrivono.

Annunci

Tag:, , ,

About Gaia Conventi

Scrivo, ma posso smettere quando voglio.

15 responses to “Tornano i tramisti! Ma si stava bene anche senza…”

  1. chiaralorenzetti says :

    oh, finalmente venerdì è di nuovo Il Venerdì! Senti, mettiamo tutti gli scrittori dentro l’armadio, che poi prima o poi muoiono, e così diventano presto famosi, che ne dici?

    Mi piace

    • Gaia Conventi says :

      Cara lei, ho buttato giù un paio di tram-puntate (se esiste la Bat-mobile… largo alle tram-puntate!) ma ho fatto una fatica bestia. Tocca spulciare millemillanta quesiti – e passami il pdf gratis, e fammi i compiti… – per scovare qualche tramista VERO. E non si trovano più quelle belle trame tramortibili…
      Dunque, a conti fatti, all’Ikea possiamo prendere un armadio piccolo. 😉

      Liked by 1 persona

  2. Fabio - Librinviaggio says :

    Bentornati Tramisti! Anche se solo per oggi… Mi hanno rallegrato la giornata, magari questo venerdì sarò meno acido. O magari no.

    Mi piace

  3. Daniele says :

    Il ritorno dell’aristogatto! E non è cambiato per nulla! XD
    Ma quando questo commento verrà letto, sentirò che mi viene strappato un pezzo dell’anima? Fa lo stesso, lo cercherò in un luogo pericoloso: l’armadio!
    Un bell’anticipo dei mostrilli di Ognissanti, non c’è che dire 😉

    Mi piace

    • Gaia Conventi says :

      Aristo non delude mai: fedele a se stesso, fedele all’EAP. E poi dicono che lo sport nazionale è cambiare casacca, tzè! 😉
      Spero che il tuo pezzo d’anima non sanguini, potrebbe farmi impressione. Be’, sì, sono un’impressionista.

      Mi piace

  4. Bia says :

    Bentornati tramisti!!! 😀

    Mi piace

  5. tibi says :

    Oh, quanto mi mancavano! Non era più venerdì senza tramisti!

    Mi piace

  6. minty77 says :

    Ero convinta di non volermi ricordare dell’esistenza dei tramisti, per non aggiungere motivi all’ansia esistenziale. Ma in realtà… in realtà i tramisti sanno sempre stupire. E fare ridere. Che mondo sarebbe senza di loro?
    (Un mondo migliore, sicuramente. Ma dato che ci sono, almeno sfottiamoli! :P)

    Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: