L’impicciaBOOK n°6

Buongiorno, buona domenica e buona Pasqua. Stamattina l’impicciaBOOK sarà più impiccione del solito.

Si dice spesso che in Italia ci sono più autori che lettori – potrebbe anche essere una vaccata, sia chiaro – e quindi ognuno di noi conosce qualcuno che ha scritto un libro. Ci vuole niente che quel libro l’abbiamo pure letto.
Sarò buona e non vi chiederò lo sconsiglio libresco – è brutto far sapere a un amico che il suo libro è una chiavica – ma non posso esimermi dal chiedervi il titolo di un libro scritto o tradotto da una persona a cui tenete. Un amico, un parente, un compagno di banco dei tempi delle elementari…

Noi ci rileggiamo domenica prossima con l’impicciaBOOK, nel frattempo passate una buona Pasqua libresca!

Annunci

Tag:, , ,

About Gaia Conventi

Scrivo, ma posso smettere quando voglio.

9 responses to “L’impicciaBOOK n°6”

  1. sandra says :

    Buona Pasqua, Gaia.
    Il mio suggerimento è il libro scritto da una blog amica che secondo me è brava e non ha pippe in testa. Eccolo qua: http://www.interlinea.com/schedenovita/Mecenero,Laroccia.htm

    Mi piace

    • Gaia Conventi says :

      Ho dato un’occhiata al sito dell’editore. Non invoglia.
      Ma si può sapere perché tanti editori si vogliono così male? 😉

      Mi piace

      • sandra says :

        In generale credo che ci siano più buoni libri pubblicati male, che editori capaci. Stiamo diventando un po’ snob con gli editori, eh 😀

        Mi piace

        • Gaia Conventi says :

          Dopo averne viste e sentite tante, ci piacerebbe notare che esistono anche editori che fanno il possibile per vendere un buon libro. E rendere un sito più chic è certamente possibile, gioverebbe a tutti. 😉

          Mi piace

  2. minty77 says :

    Mia sorella è stata fra le traduttrici (lavoro di equipe, in quanto libro mastodontico) di “1001 birre da provare nella vita”, edizioni Atlante.
    Vale? XD

    Anche se in ritardo, buona Pasqua anche a te, Gaia, e a tutta la combriccola! 😉

    Mi piace

  3. mosco says :

    Io ho amici che scrivono, o traducono, libri dei quali non capisco nemmeno il titolo. Roba del genere:
    Project management: elementi teorici e applicazioni. Metodi ed evidenze empiriche per il turismo, Gaio Loris, 2010, Franco Angeli

    Dopo l’economista, ecco il matematico:
    Matematica in pausa caffè, Codogno Maurizio, 2014, Codice editroe; e
    Matematica in relax, Codogno Maurizio, Vallardi
    Sì, caffè e relax sono parole che capisco in effetti 😉

    Ma dovrei provare, accidenti, in fin dei conti ho avuto a che fare con la logica per una vita :S

    Poi ho una cugina, della quale, abbiate pazienza, non divulgo gli estremi in piazza. Ha pubblicato due libri di narrativa, il primo veramente brutto, del secondo mi dicono meglio ma non ho la forza di controllare.

    Non mi pare di poter vantare altre amicizie libresche.

    Ah, buona pasquetta che pasqua se n’è già andata.

    Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: