Tramisti tra mostri: difficile distinguerli!

Giramenti vi augura buon cattivo pesce d’aprile!

Bene, abbiamo fatto gli auguri di rito, peccato che lo scherzo si fermi lì. Il resto è tutto vero. Alla faccia del pesce palla, della palla al piede e del piede di porco. Porco cane, è tardi!, partiamo subito con questa nuova puntata dedicata ai tramisti…

La prima tramista di oggi è una tramiLettrice, lo si nota subito.

Libri con uno stron*o che magari si relaziona con una ragazza o donna altrettanto stron*a che all’inizio lo rifiuta e tratti con suffienza?

Urca, proprio un librone che raggiunge a stento la suffienza

libri non di fantascenza

In effetti quella roba lì non esiste, non scritta così.

con protagonista il ragazzo o uomo classico stron*o

Mi raccomando, modello classico. Così non passa di moda.

tenebroso con l’aria da bello e dannato che magari si relaziona con una ragazza o donna altrettanto stron*a per dire non la classica ragazza o donna che si scioglie

ma che all’inizio lo rifiuta e tratti con sufficenza

Fantascienza, sufficienza, santa pazienza. Ridammi indietro il diplomino di quinta elementare, lo rullo e me lo fumo.
Ehm, dicevamo… Per meglio farsi intendere — ché noi siamo strani e scriviamo fantascienza e sufficienza —, la tramista spara a mitraglia una serie di titoli.

ho letto: tutti gli after, ti aspettavo, ti prego lasciati odiare, un splendido disastro, quello che sei per me, easy

Libri veri non ne vedo.

e ho già da leggere: le coincidenze dell’amore, il confine di un attimo, con te sarà diverso, scommettiamo che ti faccio innamorare??, mai per amore, Oltre noi l’infinito, Oltre l’amore, Oltre i segreti, THE TATTOO SERIES

E vuoi non mettere assieme un po’ di copertine per farsi un’idea?

Ecco, appunto. Leggere romanzetti amorosi non è mai un problema, leggere SOLO romanzetti amorosi potrebbe diventarlo. Ma esiste una cura: leggere anche roba senza facciotte in copertina.

Ma mica devono stare per forza in copertina!

Io amo i thriller ma vorrei cambiare genere per esempio romanzi! Mi consigliate qualche romanzo bello ed interessante per una ragazze di 17 anni? Grazie 😘

Perché, si sappia, i thriller non sono romanzi. Sono solo roba scritta.

E ti pareva non comparisse aristo a consigliare il solito Gruppo Albatros?

Olè!

Caro lui… In questo caso non è un problema di capitoli. È un problema e basta.

Già, decisamente un problema.

Temevo un cacofonico “Zitta, zitella!”.
E poi, finalmente…

Ebbene sì, cara lei. Sto proprio dicendo che anche stavolta abbiamo scovato il furbone, il geGNo della lambada di questa puntata…

Ho ordinato un libro in una libreria Mondadori. Quando mi hanno chiesto nome e numero di telefono ho dato dati falsi (sono paranoico, lo so). Poso ritirare lo stesso il libro quando arriverà?

Il più è sapere quando arriva. Eh, saperlo!

Salve a tutti, volevo chiedere in prestito dei libri dalla biblioteca, che voi sappiate serve la carta d’identità che mi identifichi o si può usare la tessera sanitaria per registrarmi?

Ok, abbiamo fatto ambo: il disagio è garantito.

Ragliando.

E ancora una volta tocca ammettere che «la causa è lo Stato». La scuola pubblica qualche problemino comincia a mostrarlo.

E mi corre l’obbligo di ricordarvi che, per tutto il mese d’aprile, il nostro negozietto Ebay farà sconti sugli spigoli. Approfittatene!


Salve, è possibile spedire un portafoglio in modalità Pieghi di libri?

Lui è Carlo, tramista e lettore di portafogli.

Sì, lo ammetto. Anche perché esistono davvero delle robe fatte così…

Dunque ora il quesito del tramista potrebbe avere un senso. E questo, ammettiamolo, fa davvero senso.

Il caso della Stella d’Occidente di Agatha Christie. E saremo veloci nel dirti che leggere non fa per te e scrivere non è il tuo forte. Resta la vanga.

Il primo che esclama “Questa gif è un mortorio!” vince una dotazione di libridemmerda. A vita. Anche se non li vuole. Anche se cambia indirizzo e identità.

Almeno una riga per ogni indiano, ecco.

qualcuno mi può dare uno spunto

Spunto, attenzione. Spunto e non sputo. So che la tentazione è forte…

per iniziare il mio libro, se riuscite fatemi almeno la prima pagina.

vi do le dritte su cosa scrivere: è ottobre e il protagonista si sveglia(con accanto la fidanzata) e fa colazione e si prepara per andare a lavoro. almeno questo!

Ecco, sì, almeno questo. Ecchecaspita!
Poi la settimana prossima lo ritroviamo a elemosinare la seconda pagina. Speriamo non intenda scrivere una trilogia…

punteggio massimo a chi mi aiuta.Che tempo verbale uso? meglio narratore esterno o interno(protagonista)? Grazie.

Direi esterno. Talmente esterno che il libro te lo fai scrivere dagli utonti di Yahoo Answers.

Grazie a Jesu, e fermiamoci qui coi complimenti sennò sembra una messa. Ma ci fermiamo qui anche con la puntata: c’è un limite pure al brutto! Ci rileggiamo venerdì prossimo con una nuova avventura tramistica. Contenti, eh?

Advertisements

Tag:, ,

About Gaia Conventi

Scrivo, ma posso smettere quando voglio.

22 responses to “Tramisti tra mostri: difficile distinguerli!”

  1. mozart2006 says :

    La carta d’ identità lo identifica… e il passaporto che fa, lo passaporta?

    Mi piace

  2. sandra says :

    Difficile scegliere. Però il portafoglio è messo bene. Oggi occasione perfetta per augurarti Buon weekend e pure buon mese. Che culo! Bacione

    Mi piace

  3. Daniele says :

    Il risponditore dello spazio-tempo è il mio nuovo eroe! 😄
    Invece, mi chiedo se la persona che non vuol far sapere alla madre che deve leggere un libro con personaggi omosessuali, viva in casa di leghisti. immagino già la scena…
    – Cosa? Devi leggere un libro sugli uomini sessuali? Ruspaaaa!

    E poi, aristo. No comment!

    Mi piace

    • Gaia Conventi says :

      Temo che il lamento libresco sia una scusa per non leggere: «Chissà poi mamma che dice…». Guarda che questi sono furbi. Illetterati cronici ma furbissimi. Farebbero di tutto per scansare due righe, e di solito ci riescono. 😀
      E poi aristo, santa pazienza… Aristo vuole farsi menare.

      Mi piace

  4. minty77 says :

    Guarda, non dico nulla. ‘Famo’ finta che è tutto un pesce d’aprile e chiudiamola così. Sennò è la volta buona che su quello spigolo mi ci suicido… =__=

    [Ma la tipa che legge solo quei libri lì, e vuole solo quelle tipologie di personaggi lì…
    Ricordiamoci sempre questa cosa: http://sanguedinchiostro.blogspot.it/2013/06/new-adult-editoria-in-crisi-pessimi.html
    Poi ricordiamoci che “Ti prego lasciati odiare” ha vinto il Bancarella.
    Poi ricordiamoci di andare tutti a buttarci in mare giù per un dirupo, come i lemmings (nelle fantasie Disney).
    Sì, è un venerdì pessimista, scusatemi…]

    Mi piace

    • Daniele says :

      Spero non sia nulla di grave – stanchezza primaverile, magari? A me, il cambio di stagione butta un po’ giù, così come quello d’orario…

      Mi piace

      • minty77 says :

        No, nulla di grave, per fortuna. Come dici tu, un po’ di sca22o stagionale, mixato con qualche incombenza per cui “voglia zero!”, come si dice…
        E un po’ di sonora stanchezza per l’incultura dilagante, in cui, a periodi, tocca stare immersi più che in altri.
        Tornerà anche il buonumore, via! 😉
        Intanto teniamoci cari i nostri spigoli…

        Mi piace

        • Gaia Conventi says :

          Suvvia, cara Minty, sono scazzi che passano. Mica come il tramismo: quello resta e imperversa. 😀
          Un abbraccio grande e se occorre aiuto… un sorriso, due ghignate… be’, lo sai.

          Mi piace

        • Daniele says :

          Lo sai, un tramista non fa primavera. Ma è come con gli animali feroci: da dietro lo schermo, non fanno più paura 🙂
          Per il resto, basterà attendere un po’.

          Mi piace

      • Gaia Conventi says :

        Ho appunto intensificato la mia dose abituale d’energetico: no, non lo spritz, la carnitina. 😉

        Mi piace

        • Daniele says :

          Io pensavo di darmi agli ormoni della crescita per elefanti 😛 poi mi ricordo che son già piuttosto pesante – in senso letterale e figurato ^_^

          Mi piace

    • Gaia Conventi says :

      Non prenderla così, ricorda sempre che questi salami pensanti non vivono a casa tua. Ti basta vederla in questa maniera per ritrovare la serenità. 😀

      Mi piace

  5. cinzia andrei says :

    dopo quello che ha dato il nome falso al libraio sono in estasi

    Mi piace

  6. carlotta says :

    Un tempo si diceva “Il poveretto è stato ricoverato d’urgenza alla Neurodeliri”!. Ecco sarebbe il posto adatto per quello che ha ordinato dei libri dando nome e ndirizzo falsi.

    Mi piace

  7. mosco says :

    SIamo qui in 2 a rotolarci dalle risate per il tuo “Ragliando”. Ora si uniscono alle danze anche le gatte :D:D:D:D:D:D:D:D

    Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: