Archive | Libri sì RSS for this section

“Depilando Pilar” di Andrea G. Pinketts

Possiamo dirlo un romanzo mutante – ma pure mutande, tutto parte dal condiloma di Lazzaro Santandrea –, un noir atipico, una storia grottesca… in realtà è un “Pinketts col senso della frase a manetta”. Un senso della frase talmente martellante che quando chiudi il libro ti ritrovi a pensare e a parlare in quel modo, se ti fermano i pulotti finisce che ti fanno la prova del palloncino.
In questi giorni, a dirla tutta, ho sentito più volte Pinketts al telefono per via della premiazione di Giallo Ferace, e alla fine la mia testa leggeva il libro dandogli la voce di Pinketts. Sì, insomma, ‘sto libro me lo sono sentito recitare proprio da lui. Più che un audiolibro, un audiopinketts, faccenda che, a raccontarla, i pulotti decidono che il palloncino non basta.

Continua a leggere…

“Rimini” di Pier Vittorio Tondelli.

Rutilante, scoppiettante, eccessivo. Come la copertina, dove la bocca della siurina sembra quella di DJ Super X della Superclassifica Show. Se non ricordate la palla di specchi parlante è perché siete troppo giovani e non starò a farvene una colpa.
Ecco, Rimini è figlio di quel periodo, gli anni Ottanta, e in riviera erano gli anni Ottanta alla loro massima potenza. E potenzialità. Il meglio e il peggio del decennio, a pagina 291 c’è pure la colonna sonora ideale. Col meglio e il peggio, appunto.

Continua a leggere…

“Crimini” a cura di Giancarlo De Cataldo.

Di un libro puoi dire bene, di un libro puoi dire male. Poi ti imbatti in una antologia e puoi fare entrambe le cose. Tutto sommato una bella fortuna, ora però mi tocca decidere se ficcarla tra i “Libri sì” o i “Libri no”. Scelgo di metterla tra i potabili per la sghignazzata iniziale, mia, assolutamente mia, e devo ringraziare il curatore Giancarlo De Cataldo che nella nota mi fa presente che i noiristi italiani «hanno percorso la propria strada ciascuno in perfetta autonomia e senza pagare dazio a scuole, accademie e conventicole letterarie che dir si voglia». Come barzelletta è seconda solo a “La legge è uguale per tutti”.

Continua a leggere…

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 4.307 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: