Impressioni libresche veloci veloci di una lettrice in fermoblog: “La concessione del telefono” di Andrea Camilleri

Confesso che fino all’ultimo sono stata indecisa tra “Libri sì” e “Libri no”. Poi mi sa che è scattato il fattore economico: lo dice anche la foto, questo libro è stato acquistato a metà prezzo. Quindi, per sette euro e sbrisga ci posso anche stare, per il doppio – e con le pagine à la bugiardino – starei ancora qui a lambiccarmi il cervello per decidere in quale carniere infilare ‘sto romanzo.

Mica che sia un brutto romanzo, eh? Però a me ha fatto l’effetto dei film di Fantozzi, invece di farmi ridere mi ha rattristata. Per fortuna il camilsiculo – il siciliano libresco di Camilleri – ha alleviato le mie sofferenze, ché il camilsiculo – se non ti stanca dopo le prime dieci pagine – è gigionesco assai.
La vicenda narrata è più o meno questa: nella Sicilia di fine Ottocento, Filippo Genuardi – commerciante di legnami – manda tre lettere al prefetto per chiedere l’installazione di una linea telefonica. Da lì in poi saranno casini in crescendo, equivoci, carestia e pestilenza.

Il Camilleri selleriano del ’98 – questa la data d’uscita del libro – non assomiglia in alcun modo al Camilleri mondadoriano de Il tuttomio. Fortunatamente, aggiungo. Un Camilleri così riesco quasi ad apprezzarlo – poi lo vedo nelle interviste televisive e la simpatia prende il pendere –, grazie al cielo e al Libraccio non ho pagato questo libercolo a prezzo intero o starei ancora qui a pensarci…

Ah, e visto che ci siamo, complimenti a Sellerio per la bandella: carattere in corpo “se riesci a leggere una roba così possono chiamarti Superman” su carta marrone. Davvero una grande idea, noi orbi ringraziamo con l’inchino.

Annunci

Tag:, ,

About Gaia Conventi

Scrivo, ma posso smettere quando voglio.

6 responses to “Impressioni libresche veloci veloci di una lettrice in fermoblog: “La concessione del telefono” di Andrea Camilleri”

  1. Daniele says :

    Prossimamente, un bel rosso su grigio per la quarta di copertina. O marrone su giallo 😛

    Mi piace

  2. sandra says :

    A me piacciono molto I Camilleri non Montalbano, compreso questo.

    Mi piace

  3. minty77 says :

    Però a me ha fatto l’effetto dei film di Fantozzi, invece di farmi ridere mi ha rattristata.

    Ah, credevo di essere l’unica! O_O

    Anche a me piace il camilsiculo, peraltro. E’ piacevole da leggere, anche se io Camilleri lo prendo col contagocce (di Montalbano ho letto, credo, solo un romanzo – piaciuto ‘ni’ – e 2-3 raccolte di racconti – piaciute molto; di non Montalbano credo di non aver letto nulla).
    Invece mia madre, molto appassionata, ha quasi tutta la sua bibliografia, compreso questo di cui parli tu. Però la sua edizione mi pare un Sellerio-tipo, cioè con copertina blu. Magari ricordo male, o magari è una ristampa successiva, boh. ?_?

    Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: